Antonio Ricci presenta Striscia la notizia (video): stoccate a Flavio Insinna, Mediaset e classe politica, difesi Amadeus e le nuove Veline

Ecco le dichiarazioni e i video del patron del tg satirico di Canale 5 durante la conferenza stampa di presentazione della 30esima edizione, in onda da lunedì 25 settembre 2017.

Immancabile "show verbale" di Antonio Ricci durante la conferenza stampa di presentazione di Striscia la notizia, la cui 30esima edizione inizia lunedì 25 settembre alle 20.40 su Canale 5.

Sulla politica: "Non so quanto ci darà, è come le olive, certi anni danno, certi altri no, vedremo. Quando a Renzi si è sostituito Gentiloni i satirici italiani hanno tentato tutti il suicidio. Anche se io non penso che sia vero che Gentiloni sia un pupazzo e Renzi il ventriloquo. La satira è morta per spunti. Come con Monti. Per fortuna che c'era la Fornero. Berlusconi per la satira era una cornucopia. Con lui vivevano di rendita le trasmissioni satiriche". Dario Ballantini si calerà nei panni del ministro Valeria Fedeli: "Nelle prime prove sembrava Ilda Boccassini, ora si è perfezionato e va molto meglio". Sergio Friscia farà ancora Beppe Grillo, Valeria Graci la mamma di Virginia Raggi.

Debuttano le due Veline, selezionate tra oltre 300 ballerine professioniste, per nulla scalfite dalle critiche che sono piovute su di loro dai social in particolare per le origini straniere di quella bionda. Mikaela ha 23 anni, pelle ambrata, una massa di capelli ricci, nata in Russia, padre angolano, madre afghana, in Italia da quando ne aveva 6: "In realtà quella delle due che si è più arrabbiata è stata Shaila che arriva da Napoli e quando è venuta qua era molto abbronzata e più nera di Mikaela e se l'è presa perchè i razzisti puntavano all'altra".

Su Flavio Insinna, di cui il tg satirico aveva mandato in video dei fuorionda: "Lo spunto ce lo ha dato l'ospitata dalla Berlinguer: lui che si professava come uno buono, che ostentava un Paese gentile, le citazioni di Don Milani. Una recita da quarta categoria e Striscia ha sempre svelato le doppie facce di tutti, anche le nostre: ci hanno accusato di stragismo, in realtà possiamo assicurare che siamo stati leggeri. Pensavo a qualche pena grossa per lui, ma vederlo inviato di Cartabianca è troppo, anche per la povera Berlinguer. Sono due linguaggi televisivi che non vanno bene assieme, l'algido rigore della Berlinguer e l'esuberante travalicare di Insinna. Che ora al suo posto su Rai1 ci sia Amadeus ci fa solo piacere, è un amico oltre che una persona civile, simpatica e professionale".

Qualche stoccata Ricci la riserva anche a Mediaset sia per il ritardo con cui vengono gestiti i social legati al programma sia per l'uscita dalla piattaforma Sky. Su questo punto replica il direttore di rete Giancarlo Scheri: "Striscia ha vinto praticamente sempre, sia prima che dopo l'abbandono della piattaforma, siete sempre una trasmissione viva, questo consente di avere sempre ottimi ascolti, sia con Sky, che senza Sky. È una strategia che ha voluto fare l'azienda e i risultati stanno dando ragione. È l'unica rete generalista che continua a crescere, mentre tutte le altre no".

antonio-ricci-striscia-la-notizia-conferenza-stampa-22-settembre-2017.jpg

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 415 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO