Gianni Morandi: "Fabio Fazio? Mi spiace sfidarlo, nostri pubblici diversi. Tornerei a Sanremo in gara o a condurre un one man show..."

Il cantante-attore, intervistato da Repubblica e dal Corriere della Sera, commenta la sfida-Auditel della domenica sera con Che tempo che fa e parla di Festival e one man show.

gianni-morandi-conferenza-stampa-lisola-di-pietro.jpg

Gianni Morandi con la fiction L'isola di Pietro, in onda da domenica 24 settembre su Canale 5, sfiderà il nuovo Che tempo che fa di Fabio Fazio, promosso su Rai1: "Sì, ci siamo anche sentiti. Gli ho mandato un messaggio dicendogli: ma proprio uno contro l’altro ci dovevano mettere? Però poi penso che i nostri saranno due pubblici diversi, c’è spazio sia per vedere Fazio che per la fiction. Poi lui andrà avanti per sei mesi...".

Avrà dunque tempo per recuperare? "No, macché, non intendevo questo, semmai siamo noi che rischiamo... Mi spiace ci sia uno scontro del genere. Ma è sempre meglio accada con un programma diverso che con un’altra fiction".

E potrebbe succedere che il pubblico della Rai abituato alla fiction della domenica scelga Canale 5: "Le cose in tv cambiano sempre, ora il varietà lo fanno il lunedì. C'è una continua evoluzione, l'ascolto è frazionato, ci sono venti canali. E' vero, la stagione parte forte, ma non ricordo serate in cui non ci sia qualcosa. Prendo quello che viene e ringrazio fin d'ora tutti quelli che mi vedranno".

Morandi e Fazio, i nomi chiamano in causa anche Sanremo... "Claudio Baglioni è il miglior direttore artistico possibile: è serissimo, integerrimo, farebbe le cose alla grande. Non so se sarà sua anche la conduzione...".

Gianni lo rifarebbe? "No, direi di no. E’ molto faticoso, impegnativo. E poi le cose non si devono mai ripetere troppe volte. Meglio tornarci come ospite. O in gara... Mai dire mai, può sempre succedere di tutto, è molto più divertente andarci in gara, c’è l’adrenalina".

E tornerebbe alla conduzione? "Lo show col cantante che invita gli amici artisti ce lo siamo inventati con Ballandi e Saccà nel 1999 quando ho condotto C'era un ragazzo, poi l'hanno fatto tutti. Mai dire mai, chissà, un domani potrei fare il bis".

Fonti: Corriere della Sera-Repubblica

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

  • shares
  • Mail