Senso comune: alle 20.15 su Rai3 il programma di indagine antropologica che dà agli italiani la possibilità di dire la loro, anticipazioni

Anticipazioni sul nuovo programma, in onda da lunedì 11 settembre alle 20.15 su Rai3. Ecco il meccanismo.

senso-comune-rai3.jpg

Il Senso comune che accomuna da Nord a Sud gli italiani è quello che il format prodotto da Stand By Me insieme a Rai3 andrà a scoprire nelle puntate quotidiane da 20’, che andranno in onda - a partire dell’11 settembre - dal lunedì al venerdì alle 20.15, in fascia oraria di access prime time (orfana di Gazebo). Il programma è un adattamento di Common sense, format britannico andato in onda sulla BBC.

In ogni puntata le telecamere, attraverso la tecnica del fixed rig, cattureranno le reazioni e i commenti sulle notizie più calde di 16 gruppi di protagonisti, entrando nei loro uffici, nelle loro case, seguendoli nei negozi, nei supermercati e nelle palestre, scoprendo anche le dinamiche, i rapporti e le storie personali. Ascolteremo così l’attualità direttamente da chi la vive nel momento in cui una notizia arriva al cuore delle persone e le fa emozionare, arrabbiare, ridere, riflettere, discutere. In montaggio alternato scopriremo come la stessa notizia muove diversamente le coscienze di colleghi, amici e familiari.

Si darà voce a punti di vista diversi, a volte opposti, si sveleranno opinioni fuori dal comune a volte banali ma spesso illuminanti. Un’indagine antropologica che attraversa l’Italia da Nord a Sud, condotta grazie alle notizie di attualità più comuni e note al grande pubblico. Senso comune permetterà alle persone di dire quello che pensano per restituire ai telespettatori una visione contemporanea del sistema culturale del nostro Paese.

Un fixed rig di pura attualità che ha richiesto oltre tre mesi di preparazione editoriale ed un accurato e lungo lavoro di casting per identificare i protagonisti, individui eterogenei e fortemente rappresentativi del tessuto economico sociale e culturale del Paese.

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

  • shares
  • +1
  • Mail