Mika: "Sanremo 2018? Un onore ma non lo farò. Show su Rai2 con minifiction e tante novità. Talent? Non più in Italia dopo X Factor"

Ecco le dichiarazioni del cantante libanese, ospite di Giffoni Film Festival 2017: già al lavoro per Stasera casa Mika 2, smentita la partecipazione come conduttore del Festival.

mika-giffoni-film-festival-2017.jpg

Condurre il Festival di Sanremo? "Sarebbe un enorme onore ma non lo farò. Non riesco a immaginare con le mie tempistiche come riuscirei a farlo. Io non sono un conduttore, quello è un mestiere che altri fanno molto meglio di me, potrei farlo solo nel mio stile e richiederebbe tempo per prepararlo: così Mika, ospite al Giffoni Film festival, risponde a chi gli chiede notizie su un suo possibile ritorno all'Ariston stavolta in veste di presentatore. Smentisce quindi l'ultima indiscrezione su una sua possibile co-conduzione con Pippo Baudo e Virginia Raffaele.

Il cantante libanese si prepara al ritorno su Rai2 in autunno, tra fine ottobre e inizio novembre, con la seconda edizione dello show Stasera casa Mika in quattro puntate: "Siamo già al lavoro da due mesi. Quest'anno ci sarà anche una minifiction, scritta da Ivan Cotroneo (anche guida del team di autori del programma, più ampio quest'anno, ndB), che influenzerà quello che succede nello show e viceversa. Se la minifiction funzionasse, l'idea è di continuarla come progetto a sé".

Per lui Stasera casa Mika "è come un musical in quattro puntate, con una narrazione dall'inizio alla fine". Ci saranno "molte novità e abbiamo lavorato in grande libertà, il programma è un grande laboratorio di idee, poco m’importa quali ascolti otterrà. Mi sento libero di osare". Al cantante è anche arrivata la richiesta di sviluppare un programma a sé basato sulle conversazioni in esterna, presenti nella prima edizione dello show, tra Mika in veste di tassista e i clienti che salivano sulla sua auto: "Sono tutti progetti che svilupperei solo quando finirà Stasera casa Mika e spero sia il più tardi possibile". Fra i cantanti italiani chi sarebbe adatto a realizzare uno show come il suo? "Francesco Gabbani, che mi è molto piaciuto a Sanremo e agli Mtv Awards, o Fedez, che farebbe qualcosa di molto differente da me, ma sarebbe adatto perché ha un'attenzione maniacale ai dettagli".

E per quanto riguarda i talent? "Non ne farei più uno in Italia, mi sono divertito un sacco e quell'esperienza mi ha consentito di rimuovere le mie paranoie sulla tv. Ho già fatto il migliore in Italia, X Factor su Sky".

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 19 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO