La porta rossa: Lino Guanciale e Gabriella Pession nella fiction di Rai2, Cagliostro è morto ma "vive", personaggi-cast-trama-foto-video

Anticipazioni sui personaggi, sul cast e sulla trama della fiction di Rai2, in onda da mercoledì 22 febbraio su Rai2. Dichiarazioni, fotogallery e video del promo.

Sei prime serate all’insegna dell’adrenalina e del “noir”. Ideata da Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi la serie La porta rossa, una coproduzione Rai Fiction – Velafilm, per la regia di Carmine Elia, in onda su Rai2 (22 febbraio e 1 marzo di mercoledì, dal 24 febbraio al 17 marzo di venerdì), racconta il percorso investigativo difficile e “straordinario” del commissario Leonardo Cagliostro per scoprire il proprio assassino.

Colpito mortalmente alle spalle durante un’operazione anticrimine, infatti, Cagliostro è presente a se stesso, ma capisce subito di ritrovarsi ad “esistere” in una nuova condizione. Chi non vorrebbe una seconda possibilità? Chi non vorrebbe poter rimediare ai propri errori? Chi non vorrebbe riuscire a recuperare una grande storia d’amore rovinata da stupide incomprensioni? Il commissario Leonardo Cagliostro questa possibilità la riceve. Ma la riceve da morto. Sì, perché Cagliostro viene ucciso. Ma rimane in questo mondo per scoprire il suo assassino, poiché comprende che la stessa mano che ha aperto il fuoco contro di lui ucciderà anche sua moglie. Ha poco tempo. Poco tempo per trovare il colpevole, poco tempo per far capire a sua moglie quanto la ami ancora. Poco tempo per rimettere insieme i pezzi di una vita che solo ora realizza essere stata unica e preziosa. Sembra un’impresa disperata. Ma nulla è precluso a chi non si rassegna. Nemmeno alla morte.


La porta rossa, il cast artistico: attori protagonisti e personaggi interpretati



  • Gabriella Pession-Anna Mayer

  • Lino Guanciale-Leonardo Cagliostro

  • Antonio Gerardi-Stefano Rambelli

  • Valentina Romani-Vanessa Rosic

  • Fausto Sciarappa-Valerio Lorenzi

  • Elena Radonicich-Stella Mariani

  • Ettore Bassi-Antonio Piras

  • Gaetano Bruno-Diego Paoletto

  • Cecilia Dazzi-Eleonora Pavesi

  • Alessia Barela-Stefania Pavesi

  • Pierpaolo Spollon-Filip

  • Raniero Monaco di Lapio-Raffaele

  • Lavinia Longhi-Beatrice Mayer

  • Paola Benocci-Caterina Lorenzi

  • Pia Lanciotti-Patrizia Durante

  • Daniela Scarlatti-Adele Mayer

  • Roberto Gudese-Davide Rambelli

  • Yuliya Mayarchuck-Helena

  • Catrinel Marlon-Helke

  • Federica Girardello-Ilaria

  • Sandra Franzo-Signora Raspadori

  • Edoardo Ribatto-Il Messicano

  • Santo Bellina-Rizzo

  • Massimo Palazzini-Don Giulio

  • Sergio Leone-Ragusa

  • Tommaso Ragno-Elvio Mayer

  • Andrea Bosca-Jonas


La porta rossa, anticipazioni sulla trama


Un capannone abbandonato, due cadaveri riversi a terra, i riflessi blu dei lampeggianti della polizia, il via vai di poliziotti che isolano la scena del crimine. Il commissario Cagliostro attraversa il luogo del delitto ignorato da tutti: i suoi colleghi continuano a muoversi come se lui non ci fosse. Cagliostro osserva la scena: ne ha viste tante di situazioni del genere in dieci anni di servizio, ma questo caso è diverso da tutti gli altri. Perché questo è il suo stesso omicidio e uno dei due morti a terra è proprio lui. Durante l’irruzione nel covo di un criminale, qualcuno gli ha sparato alle spalle e lo ha ucciso. Una porta rossa appare dal nulla per permettergli di andarsene via dal mondo, ma quello che Cagliostro vede sulla soglia lo blocca. Immagini confuse che appartengono al futuro: sua moglie Anna sul punto di essere uccisa da una persona il cui volto è nascosto, ma che Cagliostro intuisce essere il suo stesso assassino. Cagliostro resiste, non oltrepassa la porta, non può e non vuole andarsene dal mondo lasciando Anna in pericolo. Deve indagare sulla propria morte, trovare il suo assassino ed evitare che anche Anna venga uccisa. Nella sua nuova condizione, che pur fatica a comprendere e a gestire, può osservare la vita delle persone in modo diverso e capire cose che gli erano inaccessibili da vivo. Scopre pensieri, emozioni e segreti dei suoi amici e colleghi, che passo dopo passo lo avvicinano alla verità. Anna, sua moglie, è la persona che lo sorprende di più. Da alcuni mesi i due sono separati, ma la loro storia in realtà non è veramente finita e ora continua - in un modo molto diverso - tra delusioni, rivelazioni e atti d’amore fuori tempo massimo. Cagliostro è morto e, come tale, non può agire materialmente. Ben presto, però, realizza che un collegamento col mondo dei vivi è possibile: c’è una ragazza che può vederlo e sentirlo. È Vanessa, una diciassettenne che scopre di essere una medium. L’incontro con Cagliostro sconvolge la vita della ragazza, ma le regala anche un rapporto intenso con un uomo che - con tutti i limiti del caso - finisce per diventare il padre che lei non ha mai avuto. A sua volta, Vanessa diventa per Cagliostro lo strumento per salvare Anna. Insieme creano una particolare ed inedita coppia d’investigatori. Il percorso che Cagliostro compie è l’occasione per riconoscere gli amici e smascherare i nemici, ma anche per confrontarsi con i rimpianti e gli errori della sua vita. Quello che il commissario deve riuscire davvero a fare è elaborare il proprio lutto, lasciarsi il passato alle spalle e andare oltre quella porta rossa, qualsiasi cosa ci sia al di là. Riuscirà a farlo?

La porta rossa, le dichiarazioni


"Ho letto il copione e ho scoperto che a pagina 2 morivo. Andando avanti ho capito che sarebbe stata una serie complessa. Sono un razionalista convinto, ma ci ho messo tutto me stesso. Abbiamo trattato Cagliostro come se ci fosse davvero anche se non mi vedeva nessuno", dice Guanciale.

La Pession: "È un ruolo molto tenue. In casa quella mia e del mio defunto marito ho cercato di ricreare un luogo intimo sul set. Abbiamo deciso di non truccarmi, di non pettinarmi... Era importante raccontare un lutto. Questa serie è una discesa agli inferi di questo personaggio. La morte ha azzerato tutto. È un percorso a ritroso".

Il direttore di Rai Fiction Eleonora Andreatta fa notare: "Questa serie è stata scelta perché ci sono elementi di innovazione. Un progetto di grandi eccellenze che ha richiesto un grande lavoro. Abbiamo scelto di mandarla su Rai2 come abbiamo fatto con Rocco Schiavone, con l'obiettivo di conquistare un pubblico più giovane e sofisticato. Questa direzione è molto importante per noi. Puntiamo ad una diversificazione rispetto ai prodotti che vanno in onda su Rai1. La porta rossa è piaciuto molto anche all'estero".

Lucarelli rileva: "Ci sono tante cose in questa storia. È stato un viaggio interessante e complicato. Siamo partiti da una detective story, siamo passati al fantasy, abbiamo trattato la storia d'amore, i problemi adolescenziali... Tutte cose molto diverse. Contemporaneamente, abbiamo fatto un noir con realismo e fantasy. La difficoltà è stata quella di trovare un equilibrio. Capire cosa succede dopo la morte, scoprire chi ha ucciso chi e perché... Siamo convinti di esserci riusciti. Per me è stato qualcosa di diverso tra le tante che ho fatto. Sono curioso da come verrà accolta".

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

  • shares
  • Mail