Pechino Express 5, gli Emiliani a Blogo: "Non ci è piaciuto il gioco sporco di Clizia. Le scaramucce con Tina? Finzione scenica"

Intervista di Blogo a Ruichi Xu e Carlos Kamizele Kahunga, gli Emiliani di Pechino Express 5.

emiliani-pechino-express.jpg

INTERVISTA A REALITY & SHOW Ruichi Xu e Carlos Kamizele Kahunga, Emiliani di Pechino Express 5, eliminati alla sesta tappa. Cosa non è andato?

"Siamo rimasti troppo tempo a cercare la famiglia al mercato, là abbiamo davvero tanto tempo. Ma, forse, ancor più fondamentale è stato il mezzo di trasporto: avevamo accettato di viaggiare sul bus che ci aveva pagato la famiglia che ci aveva ospitato... ma non volevamo scendere, ci sembrava una mancanza di rispetto verso chi aveva fatto un sacrificio per offrircelo. C'abbiamo messo quasi un'ora in più".

Non vi aspettavate di venir eliminati dagli Innamorati?
"Lì per lì non ti aspetti niente. C'era un bel rapporto con Marco, il compagno di Lory, infatti non ha parlato lui. Lory ci ha sorpresi ma va bene, è lei il capofamiglia della coppia".

Vi sentivate così forti e temibili?
"Non ci sentivamo così scarsi. Ci sentivamo abbastanza veloci, anche se alla fine entrava in scena sempre un imprevisto che ci faceva retrocedere di qualche posizione. Gli intoppi durante il percorso non si possono prevedere ed il bello di Pechino Express è proprio questo: mette sullo stesso piano degli sportivi e Tina Cipollari, che magari affronta le prove con più flemma degli altri".

Un bilancio generale?
"Eliminazione a parte, non poteva andare meglio di così. E' un'esperienza unica nel suo genere, difficilmente potrà riaccadere".

Umanamente cosa vi ha colpito?
"Ci porteremo dietro l'amicizia con alcuni componenti delle altre coppie. Quella nata con i Socialisti è amicizia vera. Si è creato un ottimo rapporto con Marco Cubeddu, Marco di Lory, lo stesso Francesco Sarcina. E poi non dimenticheremo mai la sensibilità delle persone del luogo: sono disposte a darti tutto quello che hanno, ovvero poco, anche senza conoscerti. Hanno un'educazione elevata ed una sensibilità che da noi non riusciamo a trovare".

Amicizia. Anche la vostra mi sembra bella forte.
"Sembra (ridono, ndB). Ci conosciamo da dieci anni, siamo come fratelli".

Veniamo alle altre coppie. Ci sono state delle scaramucce con Clizianator (Clizia Incoravia).
"Non ci è piaciuto il suo gioco sporco. Lì non c'era né ironia né divertimento. Essendo donna e bionda, forse non conosce il fair-play e non segue il calcio (scherzano, ndB)".

Anche con Tina non c'era un gran rapporto.
"Era un gioco alimentato da entrambe le parti. Era una finta antipatia. All'inizio, forse, poteva essere anche vera, poi però la cosa è andata a scemare ed è diventata una provocazione ironica, culminata nella stima reciproca. Tina è una grande, come Lory".

Perché avevate deciso di partecipare a Pechino Express? Vi aspettavate un ritorno sul lavoro?
"Il nostro obiettivo era far conoscere la nostra crew di street dance, Mnai's".

Avete già nuovi progetti?
"Attualmente è in elaborazione il nuovo calendario dello spettacolo Around. E stiamo pensando di farci vedere come coreografi o ballerini nelle piattaforme televisive. Sarebbe ora, c'è bisogno di un ricambio".

La tv come racconta la danza?
"Quasi in modo matematico. Ad Amici, da quando è arrivato Giuliano Peparini, il livello qualitativo di show è salito. Però c'è tutta una costruzione e vita dietro a quelle esibizioni che spesso, per questioni e tempistiche televisive, non si fa vedere o conoscere. E' proprio quella la parte più interessante".

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

Vota l'articolo:
4.03 su 5.00 basato su 29 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO