Carlo Conti: "I migliori anni con Anna Tatangelo e Ubaldo Pantani. Amici? E' stato divertente andarci, scuola e rampa di lancio"

Il conduttore, intervistato da Repubblica.it, Ansa e Tv Sorrisi e Canzoni, anticipa le novità e le conferme della settima edizione del programma in onda da venerdì 29 aprile. E parla degli altri suoi show.

carlo-conti-anna-tatangelo-promo-i-migliori-anni.jpg

Alla vigilia del ritorno della settima edizione de I migliori anni (dopo uno stop di tre anni), da venerdì 29 aprile su Rai1, Carlo Conti (voto: 7) parla a Tv Sorrisi e Canzoni, Repubblica.it e Ansa.

"Cerchiamo sempre di attualizzarlo - dice il conduttore - ma la formula è quella amata dal pubblico: l'emozionante sfida tra i decenni italiani, dagli anni '60 ad oggi. A cambiare, invece, sono i miei compagni di viaggio che saranno in questa edizione Anna Tatangelo, che in ogni puntata omaggerà un'icona della musica internazionale interpretando un medley di canzoni, e il comico Ubaldo Pantani, con le sue esilaranti imitazioni: nei panni di Paolo Limiti illustrerà cimeli che ha gelosamente conservato nel suo 'museo' e porterà le dieci ragazze di Battisti, poi farà le interviste doppie a due vip e sul finale si presenterà come Roberto D'Agostino e commenterà i look e le mode".

Un programma che punta sul passato può essere evergreen dunque? "E' un patrimonio che appartiene a tutti, in fondo, non ci sono barriere di età. L'effetto nostalgia, il gioco della memoria, con gli oggetti cult o le persone che andiamo a ritrovare dopo tanti anni e ovviamente gli ospiti. Non mancheranno le mie 'interviste impossibili', attingendo ai ricchi archivi Rai. L'ospite che non sono riuscito ad avere? Purtroppo non c’è più ed è Donna Summer. Un paio di volte ci sono andato vicinissimo, ma poi non se n’è fatto nulla. Riflettevo sul fatto di come vada tutto veloce, fino all'ultima edizione dei Migliori anni il pubblico si esprimeva via sms, adesso lo farà soprattutto via Twitter".

i-migliori-anni-2016-logo-promo-rai1.jpg

Su Canale 5 c'è Ciao Darwin: "Sono dei sapori fortissimi, com’erano forti i sapori offerti dal varietà con due primedonne come Laura Pausini e Paola Cortellesi, anche Rischiatutto aveva un sapore ben preciso. Hanno identità ben precise le cose che proponi, il pubblico non si divide, si affeziona e guarda il 'suo' programma. Ormai la sfida non è tra le due reti, è con le altre. Quando la somma delle altre è troppo alta la generalista soffre, devi sperare che il tuo sapore piaccia".

Sull'ospitata al serale di Amici 15: "Non vado mai da nessuna parte, c’è stato uno scambio di personaggi, è stato molto divertente. I talent li reputo importanti, Amici non è solo una scuola è una vetrina, una rampa di lancio importante poi non tutti quelli che decollano riescono a volare, ma puoi mostrare il tuo talento".

Per Tale e quale show 2016 "a giugno cominciano i provini e a settembre si parte". E il Festival di Sanremo del 2017? "Superprematuro, ora pensiamo ai Migliori anni, poi penseremo al resto quando andrà presentato il regolamento. Non dimentichiamo che ho altre tre prime serate: Con il cuore, nel nome di Francesco il 3 giugno in diretta da Assisi su Rai1, il 7 e l'8 giugno dall'Arena di Verona, invece, i Wind Music Awards con Vanessa Incontrada". E L'eredità? "La seguo da dieci anni, anche quando non vado in video, e ora stiamo lavorando alle modifiche. Tra un po’ sperimenteremo un gioco nuovo per settembre, dovrei tornare io se non mi bloccheranno altri impegni".

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

  • shares
  • Mail