Simona Ventura: "Isola dei famosi? Cacciata da chi mi invidia, troppi eccessi nella lotta nel fango. Vorrei essere capoprogetto"

La conduttrice, intervistata dal Corriere della Sera, critica alcuni aspetti del reality show di Canale 5 a cui ha partecipato ma ripeterebbe l'esperienza. E sul futuro televisivo...

"Nessun rimpianto, nessun rimorso. Ripartirei domani. È stata un’esperienza entusiasmante ed estrema, bellissima e dura che nella vita va fatta. Nessuno mi ha puntato la pistola alla tempia, sono andata lì volontariamente e lo rifarei mille volte, anche se a soffrire veramente sono le persone che ti vogliono bene che sono a casa e ti guardano in tv": così Simona Ventura, intervistata dal Corriere della Sera, parla della partecipazione all'Isola dei famosi 11.

Un'esperienza "importante per la mia rinascita. Ora sono molto più serena sul mio passato e sul mio futuro. Lascio correre, non mi tocca più niente. Ho superato la prova: la gente mi vuole bene come 10 anni fa, non sa in quanti mi fermano per strada".

Sulla lotta nel fango ribadisce: "Quella puntata è scappata di mano a Magnolia (la società che produce il programma, ndB), non di certo a Mediaset. Gli autori una prova così se la potevano risparmiare. Per il programma potevo essere una risorsa, ma ha prevalso la paura che il web dicesse che mi favorivano mentre invece mi sono messa alla pari degli altri concorrenti".

Anche il suo fidanzato Gerò Carraro su Facebook ha attaccato la produzione: "Solo quando rientri hai la percezione precisa di quello che è successo. Chi ha sofferto veramente è chi ha assistito davanti alla tv, la sera della prova nel fango mia figlia Caterina (9 anni) è scoppiata a piangere. L’altra sera mi ha letto il suo diario e questa cosa le è rimasta dentro. Prima di fare prove così bisognerebbe rifletterci, anche perché cosa ti porta? Più ascolti? E se anche fosse? Comunque non ho letto né visto niente appositamente".

Poi lei è stata eliminata al televoto. Forse c’è più gusto a cacciare i più famosi? "Certo, è quello che è successo in tutte le edizioni. Pappalardo appena andato in nomination fu fatto fuori, la stessa cosa è accaduta l’anno scorso a Rocco Siffredi. In generale penso che l’Italia sia una repubblica fondata sull’invidia, siamo un popolo sempre incavolato che fa della polemica argomento di dibattito".

Su Alfonso Signorini dice: "Ha fatto il suo mestiere. Signorini però è un amico perché almeno le cose te le dice in faccia. L’uomo più fortunato è quello che conosce i propri nemici. Comunque l’opinionista deve fare l’opinionista, se esagera c’è qualcosa nella gestione che non va. Io ho avuto opinionisti per 8 anni e sinceramente non hanno mai esagerato ma se lo avessero fatto li avrei redarguiti".

Ha fatto l'Isola per poi lavorare a Mediaset? "L’ho sempre detto, anche quando ero la conduttrice del programma, che avrei voluto partecipare come concorrente. In questo momento ho varie offerte. Il capitolo Isola per me si chiude qui, penso piuttosto a dei titoli che mi piacerebbero e che non ho mai fatto. Voglio andare oltre, tornare a condurre e fare il capoprogetto dei miei programmi".

Ci riuscirà davvero?

simona-ventura-isola-2016.jpg

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

  • shares
  • Mail