Simona Ventura: "Lotta nel fango all'Isola? Mia figlia Caterina è ancora scossa. Tornata mascalzona ma più vicina a Dio"

La conduttrice, ospite di Verissimo nella puntata di sabato 23 aprile su Canale 5 e in un'intervista a Radio105, parla dell'esperienza nel reality show di Canale 5.

Simona Ventura, ospite a Verissimo nella puntata di sabato 23 aprile su Canale 5, racconta la sua avventura all’Isola dei famosi e commenta l’episodio della lotta nel fango, che ha fatto molto discutere: “Avremmo potuto farci malissimo, perché arrivavamo da tre settimane di quasi digiuno, in condizioni difficili. Forse a Milano la situazione è un po’ sfuggita di mano. E’ stata una cosa troppo violenta. Mia figlia Caterina è ancora scossa. Quando ha visto la scena della mia lotta nel fango con Mercedesz è scappata via piangendo”.

A parte questo episodio Simona serba un meraviglioso ricordo della sua avventura isolana e dichiara: “Grazie all’Isola sono tornata ad essere la Simona Ventura mascalzona e scanzonata che ero una volta e, grazie alla sofferenza patita, ho ritrovato un rapporto molto più vicino con Dio”.

A Silvia Toffanin che le chiede quali siano i suoi progetti per il futuro, la conduttrice risponde: “Adesso voglio andare a fare un piccolo viaggio con il mio fidanzato, che è stato meraviglioso, per rinsaldare il nostro rapporto di coppia. Poi, andrò a trovare mio figlio Nicolò, che studia fuori Londra”.

Infine, Simona, tornando brevemente sulle dichiarazioni rilasciate dal suo ex marito Stefano Bettarini, dice: “Lo ringrazio per aver firmato la liberatoria per il video di auguri fatto dai miei figli".

A Music & Cars di Radio 105, a proposito del ritorno in Italia, ha raccontato: “La felicità di essere tornata alla civiltà. Sono tornata in Italia domenica e siamo stati portati in un bunker sul lago di Varese – lo dico perché ho visto Varese – dove sono stata ovattata e buttata in studio lunedì sera. Il fuso orario? Dormo alle 5 del mattino e mi sveglio alle undici, per la felicità del mio fidanzato che vorrebbe dormire. Però ho guardato Cast away e mi sono sentita molto cast away. Mentre ero nel bunker mi sono sentita anche un po’ The martian, il film con Matt Damon. A differenza di altri, ho sofferto meno la fame. Mi ero preparata. Appena arrivata a casa mi sono fatta un toast. Mi sto ancora trattenendo, non riesco ancora a mangiare e poi non voglio ingrassare”.

A proposito della ritrovata fede, SuperSimo ha affermato: “La fede? Ho vissuto tutti i gradi della disperazione, ho pensato di non farcela. Però c’è stato un momento in cui mi hanno fatta arrampicare sulla montagna per trovare la pentola con il riso, lì ho visto questo totem dei doni e mi sono rivista quando a Milano mi capita di entrare in chiesa. Lo faccio spesso, magari non vado a Messa, succede che vada per una preghiera, per un contatto. Ho cominciato tutti i giorni ad arrampicarmi sulle montagne, ad andare a quel totem e a dire delle preghiere. E’ lì che ho ritrovato il contatto di nuovo con una fede non ritrovata, ma quasi il contatto pelle a pelle”.

Alla domanda “Quanto ti è mancato il sesso?”, Simona ha risposto: “Sesso uguale cibo: se non mangi, non ci pensi. La pace dei sensi totale. Ma sai, non trattare mai l’argomento? No, no. Non se ne parla neanche”.

simona-ventura-ritorno-isola-dei-famosi.jpg

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

  • shares
  • Mail