Signora Longari "mi è caduta sull'uccello"? (video) "Frase mai detta, la gaffe fece gioco a Mike Bongiorno, torno al Rischiatutto"

Fra i più celebri concorrenti del programma di Mike Bongiorno, la concorrente torna nel "remake" del quiz di Fabio Fazio nella puntata del 21 aprile su Rai1 e si racconta al Corsera e a Repubblica.

Tra i concorrenti storici di Rischiatutto che tornano nella prima delle due puntate speciali su Rai1 c'è Giuliana Longari da Pescara, esperta di Storia romana, elegante signora, campionessa per undici puntate nella prima edizione del 1970 (conservò il titolo dal 7 maggio fino al 16 luglio, poi dovette cedere lo scettro a Giuliana Boirivant), che si racconta a Repubblica e al Corriere della Sera.

"Ero molto giovane, avevo 27 anni (oggi ne ha 73, ndB). È passata una vita da allora! Ho accettato perché Fabio Fazio ha un grande garbo, gli auguro tutto il successo del mondo, è una scommessa coraggiosa».

Su Mike Bongiorno dice: "Dal punto di vista professionale era inarrivabile. Era esattamente come appariva: un grandissimo professionista. Era perfetto, lasciava ampio spazio ai concorrenti, lui 'spariva', diventava un arredo scenico. Era la stessa persona in pubblico e in privato: cortese, educato, molto formale. Un signore. Dopo cambiò, divenne più affettuoso".

Come capitò al quiz? "Ero stata segretaria di produzione alla De Laurentiis, non lavoravo e avevo un figlio piccolo. Mi presentai. All’inizio il programma non andava bene, poi esplose: c’era tutta l’Italia davanti alla tv".

Vinse 13 milioni in gettoni d’oro: come li spese? "Per comprare la casa, naturalmente. Non li ho sperperati".

Mike disse mai la famosa frase “Ahi, ahi ahi signora Longari, mi è caduta sull’uccello”? "Mai. Una leggenda metropolitana. Se l’inventò lui. In Rai quel doppio senso non era consentito, il programma era registrato e sarebbe stato tagliato. Ho controllato ogni puntata: Mike non fece mai quella gaffe. La frase non è stata mai detta. Quando si trattò di stabilire la verità, grazie al meticoloso lavoro dello staff dell’allora direttore Teche Rai Barbara Scaramucci, durante cui furono ripassate tutte le registrazioni della trasmissione, mi venne persino il dubbio che Mike quelle parole forse le avesse dette davvero. Ho lavorato tanti anni alle Teche Rai e le povere ragazze a cui gli autori regolarmente chiedevano di cercare quella frase impazzivano. Alle più gentili lo dicevo subito: 'È inutile che perdiate tempo: non esiste'. A Mike fece gioco, ne alimentò il mito di gaffeur, io invece ne fui perseguitata a lungo".

signora-longari-rischiatutto-2016.png

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

  • shares
  • Mail