Pequenos gigantes, critici tv: schermaglie tra gli ex Belen e Stefano, bambini trasformati in personaggi ma rispettati

Ecco le recensioni di Grasso, Comazzi, Fagioli e Asif sul talent show trasmesso per 4 venerdì sera su Canale 5. Ascolti attorno al 18% di share.

RASSEGNA STAMPA su Pequenos gigantes (voto: 6), il talent show trasmesso per 4 venerdì sera su Canale 5 e condotto da Belen Rodriguez (6). La prima edizione del talent raggiunge una media del 18.30% di share pari a 4 milioni di spettatori. Sul pubblico dei bambini il programma svetta al 28% di share sui 4-14 anni e supera il 31% di share nella fascia 8-14 anni.

Vince il gioco la squadra capitanata da Rudy Zerbi, “I Piccoli guerrieri”. I bambini del team hanno ottenuto una borsa di studio per l’intero percorso scolastico compresa l’Università.

Sono aperti i casting per la prossima edizione: http://www.wittytv.it/casting-pequenos-gigantes/.

squadra-vincitrice-pequenos-gigantes-zerbi-piccoli-giganti.jpg


Aldo Grasso sul Corriere della Sera


"Data la tenera età dei protagonisti, tutto il cinismo e le asperità del talent show sono lasciate da parte e il finto buonismo regna indiscusso. Diciamo subito che il programma gravita tutto intorno alla «scuderia» di Maria De Filippi, che per stavolta ha scelto però di rimanere dietro le quinte, forse per testare la potenzialità del format senza compromettersi troppo, mandando avanti tronisti, postini, reduci di Amici o altri dei suoi show. In conduzione c’è l’incapace Belén Rodríguez, tra i coach l’ex marito Stefano De Martino, giusto per solleticare la curiosità dei fedeli del gossip. Nel programma c’è un gran senso di già visto, da Chi ha incastrato Peter Pan a Ti lascio una canzone fino a Bravo bravissimo. Si toccano le facili corde della simpatia per la spontaneità e l’emozione dei bambini, subito trasformati in piccoli personaggi. Rispetto ad altri esempi si nota qualche sforzo in più nel non metterli in situazioni più grandi di loro, anche se vederli preda delle schermaglie da separazione tra gli ex coniugi De Martino non è certo sembrato un tocco di classe. Se con Pequeños gigantes la De Filippi S.p.a. ha guadagnato un altro asset vincente lo diranno gli ascolti nelle prossime settimane: sicuramente è una tessera coerente con il resto del mosaico".

Alessandra Comazzi su La Stampa


"Protagonisti bambini che fanno cose. Simpatici e trattati con rispetto, per carità. E' peraltro moltro triste vederli fare intrattenimento in prima serata: non è il loro posto. Lasciate che i bimbi vadano via, soprattutto dalla pubblicità".

Andrea Fagioli su Avvenire


"In palio per la squadra vincitrice una borsa di studio per l'intero percorso scolastico compresa l'università. Il premio è la nota positiva in un programma che nonostante la firma produttiva di Maria De Filippi sa veramente di poco, privo com'è di spontaneità, nonostante quello che si potrebbe immaginare trattandosi di bambini. I giudici, da parte loro, rischiano le mandibole per farsi trovare sempre sorridenti dalle inquadrature. Mentre Belén il meglio di sé, a parte la presenza, lo dà nelle frecciatine con l'ex Stefano De Martino che il destino televisivo ha rimesso insieme nello show dopo la separazione nella vita reale".

Asif su Il Sole 24 Ore-Domenica


"Ci ritroviamo dentro una soap opera argentino-napoletana. I pequenos della situazione sono i due (finti) ex, che si comportano come stucchevoli dodicenni. Che la presenza del belloccio fosse studiata a tavolino per dare rilievo a un programma altrimenti privo di qualsiasi appeal l'hanno sostenuto in tanti, e anche un po' chissenefrega. E' un peccato, però, che i piccoli- quelli originali, i bambini - ci vadano di mezzo, prestandosi a una serata noiosissima che si conclude dopo la mezzanotte, con alcuni di loro ciondolanti e stravolti: ma lasciarli andare a dormire, no?".

belen-tango_pequenos-gigantes.jpg

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 32 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO