Giulia Salemi a Blogo: "Pechino Express mi ha cambiata, prima squilibrata. Giovanni Angiolini? E' lui che sfrutta la mia immagine"

Pechino Express 2015 raccontato da Giulia Salemi (terza classificata, Persiane): intervista di Blogo.

giulia-salemi.jpg

INTERVISTA A BLOGO Può sembrare una ragazza snob, superficiale e viziata. Ma Giulia Salemi, la "bella" di Pechino Express 4, non sembra affatto stupida. Al contrario - ci basiamo su una chiacchierata avventura a ridosso della finale dell'adventure reality di Rai2 - sembra una ragazza preparata, consapevole delle proprie capacità e possibilità, determinata, vogliosa di studiare e (probabilmente) pure un po' furba. La "Persiana", terza classificata, ci racconta la sua esperienza.

"E' stato un viaggio unico, penso che non si possa ripetere o far da soli. E' stato un percorso umano forte. Inizialmente mi sono posta come una ragazza apparentemente snob e superficiale. Ma sono arrivata diversa in Brasile, è uscita la mia umanità. Ho incontrato una famiglia che mi ha distrutto, mi ha toccato, ho visto lì la mia famiglia ideale. Questo viaggio mi ha purificato, abito a Milano da due anni e qui ne ho viste di cotte e di crude. Ora, però, affronto la vita in un modo completamente diverso. Sono più felice, non giudico più le persone e riesco a capire se gli altri sono interessati alla mia persona o all'entourage che mi circonda".

E' stato semplice viaggiare con Fariba?
"Non è stato semplice, tutt'altro. Solo una persona con grande personalità può reggere il confronto con mia madre. Se non fosse stato per lei io non sarei mai arrivata in finale. Spesso ho rischiato di mollare e crollare, la stanchezza si faceva sentire. Lei, però, mi conosce e sa che in quelle situazioni preferisco avere al mio fianco qualcuno che mi tira 'due schiaffi', non mi piace essere compatita. Ma Fariba non è mai stata una mamma stron*a o cattiva. Ha cresciuto una figlia che non si droga, non è un ubriacona ma è una ragazza perbene che lavora da tre anni e si paga l'affitto da sola. Mia mamma mi ha sempre aiutata e quando ho meritato comprensione, me l'ha sempre data. In quel contesto, però, avevo bisogno di qualcuno che mi spronasse. E' stata una leonessa, non potevo avere una compagna migliore. Fariba è quel personaggio che avete visto in televisione: meravigliosamente strano, particolare e difficile da prendere. E' unica nel suo genere".

Le vostre litigate sono diventate un cult.
"Le nostre litigate hanno fatto divertire anche se all'inizio erano tutti molto critici nei nostri confronti. Ero depressa ogni volta che aprivo Twitter ed i social in generale. Mi chiedevo il perché di tanto astio. Poi, grazie al montaggio, è uscita la nostra reale personalità e anche le nostre litigare sono diventate comiche. Il pubblico si è affezionato a questa coppia di scoppiate".

Ti spacciava per Miss Italia in carica...
"(ride, ndB) Noi avevamo pochissimi secondi per convincere quelle persone a darci un passaggio. Cosa dovevamo dire? ' Ciao, scusami, ho fatto Miss Italia, sono arrivata terza ma mi hanno eletta la vincitrice morale, ho vinto Miss Tv Sorrisi e Canzoni'? No, dovevamo essere brevi con carineria e simpatia. Non abbiamo ucciso o calunniato qualcuno".

Durante il percorso hai lasciato il tuo numero a molte persone. Ti hanno poi richiamata?
"Ma certo, siamo in contatto con molte persone. Io ho una cartellina dove ho i numeri di tutte le famiglie che ci hanno ospitato. Io e mia mamma abbiamo deciso che, quando avremo disponibilità economiche, torneremo in quei posti per portare aiuti, denaro e regali a quelle famiglie. Ci piacerebbe farlo e lo faremo".

Ti posso nominare Giovanni Angiolini?


"Oddio, sono esaurita per questo casino. Io non sono mai stata con Giovanni, non ho mai baciato Giovanni. Lui va a dire che l'ho usato per la popolarità. Non sai quanti giornali e televisioni mi hanno contattata per interviste, copertine o servizi su questa storia. Ho fatto una sola intervista per difendere mia madre, poi ho sempre rifiutato perché non voglio associare la mia immagine ad un personaggio del Grande Fratello. Non me ne frega niente della popolarità. Fino a prova contraria, quello che sta sfruttando la mia immagine, è lui. Io sto in televisione da un anno e mezzo, il mio programma è durato due mesi e mezzo. Lui è stato in tv per quattro settimane, dopo di me. Chi usa chi?".

So che hai iniziato a frequentare una scuola di recitazione...
"Pechino Express è stata un'esperienza bellissima, umana. Ho avuto modo di pensare al mio futuro. E' un anno che bazzico in questo settore. Non mi sento arrivata ma credo di essere una ragazza che sta cercando ci capire cosa vuol fare nella vita e che vuole arrivare alla fine del mese. Ho sperimentato: ho fatto Miss Italia, qualche intervista televisiva, ho partecipato al programma di Simona Ventura su Agon Channel e adesso Pechino Express. Ho avuto modo di sperimentare e conoscere il mondo della tv. Fino a qualche mese fa ero molto confusa, non sapevo cosa volessi. A settembre sono stata al Festival del Cinema di Venezia, lì ho avuto un contatto diretto con quel mondo e ho capito di amarlo. Ho visto un documentario sulla Wertmuller, avevo la pelle d'oca. Da lì mi sono messa sotto, sto facendo seminari di recitazione tosti ed impegnativi. Sono entusiasta, mi sto dando da fare. So che di ragazze belle ce ne sono a iosa ma per emergere serve anche il talento, la passione e lo studio. Sto rinunciando al divertimento, alle serate e alle cagate. E rinuncio per al denaro: sto tutto il giorno dentro questa scuola e non sto lavorando. Lo devo solo a Pechino Express perché prima ero una squilibrata".

Hai ricevuto proposte lavorative dopo il programma?
"Ci stanno chiamando per fare interviste ed altro. Ma so bene che la televisione non può offrire spazi per una ragazza come me. Ci sono pochi programmi e lì ci sono già quelle persone che hanno il monopolio".

Vi hanno definito "le Kardashian italiane", lo faresti un programma come quelle originali?
"Questa definizione mi ha divertito. Io le amo, adoro queste americanate un po' trash. Non lo farei in questo momento, ma non lo escludo per il futuro. Ma è chiaro che per fare un reality sulla nostra vita ci dev'essere un certo tenore. Le Kardashian hanno una vita fighissima. Io vi potrei portare in un'aula di teatro per dieci ore e mia mamma vi porterebbe in una cabina di un massaggi o pedicure. Questo è quello che vi possiamo offrire".

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

Vota l'articolo:
4.01 su 5.00 basato su 112 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO