Sotto copertura, ottimi ascolti. Critici tv: la fiction funziona solo nella fase investigativa, lato umano di Gomorra

Ecco le recensioni di Grasso, Dipollina e Fagioli sulla miniserie di Rai1 premiata da ottimi dati Auditel.

RASSEGNA STAMPA su Sotto copertura (voto: 6,5), la fiction in due puntate su Rai1 che ha ottenuto ottimi ascolti: 5,8 milioni e 21,75% nella prima parte e 6,1 (24,14%) nella seconda.

sotto-copertura-mettici-la-faccia.jpg

Aldo Grasso sul Corriere della Sera


"Qualcosa si muove. La Lux Vide, per esempio, per almeno due puntate ha abbandonato i suoi santi e le sue tonache per affrontare un tema «duro»: la cattura del grande capo clan camorrista Antonio Iovine, detto O’ ninno, per anni protetto e nascosto nel suo territorio, a Casal di Principe. Sotto copertura sottostà alle regole del genere, con imprestiti attinti da Gomorra e dai polizieschi di Taodue: inseguimenti, sparatorie, persino scene d’amore abbastanza esplicite. Una miniserie divisa a metà: quando è in gioco la fase investigativa il prodotto funziona (anche se non tutti gli interpreti sono all’altezza), quando invece tocca al coté sentimentale il racconto si affloscia, il tono diventa moralistico. Però qualcosa si è mosso".

Antonio Dipollina su Repubblica


"Tentativo di Raiuno - e della potente Lux Vide produttrice - di una sorta di contraltare a Gomorra e al suo nichilismo spinto. Le esigenze di racconto e il lato umano dei protagonisti vanno in un susseguirsi di cambi di passo tra amori impossibili con la ragazza della mala e pestaggi da telefilm Usa. Ma tra lo spettatore che segue Gomorra e il gran pubblico Rai che ha premiato Sotto copertura rimane una distanza abissale".

Andrea Fagioli su Avvenire


"La vera storia della cattura di Antonio Iovine, capo del clan dei Casalesi di Casal di Principe, romanzata dalla Lux ha funzionato. La cattura nel 2010 del pericoloso camorrista, dopo quattordici anni di latitanza, da parte del capo della Mobile di Napoli, Vittorio Pisani, assieme alla sua squadra 'sotto copertura', è stata raccontata come una sorta di partita a scacchi con microspie e appostamenti, ma soprattutto attraverso i sentimenti dei protagonisti, le loro storie d'amore, i loro problemi familiari, ma anche i loro ideali di giustizia. La canzone di Lucariello Mettici la faccia chiude la fiction, rilancia l'hastag omonimo e lascia un messaggio di speranza".

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

Vota l'articolo:
4.20 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO