The Kolors, spunta il quarto componente: "Fondai il gruppo ma poi mi fu chiesto di lasciarlo, spero di tornare"

Inizialmente la band che ha vinto Amici 14 era composta da 4 cantanti, a Di Più parla l'escluso che spiega perché fu allontanato e si augura di essere richiamato.

alessandro-tammaro-the-kolors-foto-di-piu.jpg

"Ero il quarto musicista dei The Kolors. Nel 2010 gondai il gruppo assieme al cantante Stash, al batterista Alex Fiordispino e al tastierista Daniele Mona. Suonammo insieme tre anni e mezzo. Poi, purtroppo, ebbi una serie di sventure, economiche e familiari. I ragazzi mi dissero che sarebbe stato meglio se fossi uscito dal gruppo, almeno per un po', per sistemare le cose. Dopo sarei potuto rientrare. Accettai, risolsi i miei problemi ma purtroppo non mi invitarono a suonare con loro. Ora faccio il commesso all'Ovs e aspetto, spero che Stash e gli altri si ricordino di me, della loro promessa": su Di Più "spunta" Alessandro Tammaro, l'ex bassista della band vincitrice di Amici 14.

"Fondammo i The Kolors nell'inverno del 2010, forse a gennaio. Eravamo tutti a Milano, chi al seguito della famiglia, chi per studiare, chi alla ricerca di fortuna - aggiunge - Io ero molto amico di Daniele, perché a Napoli da ragazzi suonavamo in una band che si chiamava Radio sistema. Stash e Alex erano amici di alcuni nostri amici universitari. Decidemmo di formare una band. Eravamo quattro 'scugnizzi' che avevano lasciato la loro terra, la Campania, Napoli, per cercare fortuna a Milano. E avevamo una grande voglia di farcela. Ma non fu semplice trovare un equilibrio, emergere, soprattutto per me... Gli altri ragazzi a Milano avevano la famiglia, qualche parente, un tetto. Io non avevo nessuno. Ma non solo. Non potevo contare su nessun aiuto economico. Mi davo da fare come cameriere, come commesso nei negozi di abbigliamento. Quando c'era da suonare mollavo tutto e andavo. Vivevo con pochissimo. Tra i lavoretti e la musica mi facevo bastare anche 300 euro per sopravvivere un mese intero". Viveva in stanze in fitto o si appoggiava dagli altri componenti del gruppo.

All'improvviso "entrambi i miei genitori ebbero seri problemi e una zia, cui ero molto affezionato, si ammalò gravemente. Sentii il peso di non potere aiutare nessuno di loro. Non sapevo come fare, non avevo nemmeno i soldi per andare ad aiutarli. A Roma si direbbe che 'non ci stavo più con la testa'. Purtroppo le mie difficoltà a un certo punto ebbero la meglio. Persi la serenità e il sorriso". Per lui "costante condizione di nervosismo" e divergenze artistiche e musicali con gli altri. E così "suonai fino a quando i ragazzi mi dissero che, forse, sarebbe stato meglio per tutti se mi fossi preso una pausa di riflessione". Anche Daniele "per un lungo periodo uscì dal gruppo per risolvere delle questioni personali. Poi rientrò e lo accogliemmo a braccia aperte".

Così non è stato per Alessandro che non ha seguito neanche una puntata di Amici: "Sapere che lì con loro sarei potuto esserci io mi disturbava. E' un treno che mi è passato davanti e non sono riuscito a prendere. Ma non è detto che non ripassi". Avrà una seconda possibilità dagli ex compagni?

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 425 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO