Stash: "Prima di Amici depressi, nessuno si filava il nostro album, andremo a Londra per aggiornarci, sogniamo in grande"

A Vanity Fair parla il leader dei The Kolors, la band che ha vinto il talent show di Canale 5: dalle difficoltà prima dell'ingresso nella scuola al successo attuale.

the-kolors-vanity-fair.jpg

"Lo scorso inverno eravamo depressi, avevamo fatto un album e nessuna etichetta se l’era filato. La cosa più grossa erano stati un paio di passaggi di notte su Mtv. Così decidemmo di trasferirci a Londra. A dicembre compriamo il volo per il 3 gennaio, la mattina dopo ricevo la telefonata della redazione. Alex era al lavoro, Daniele dormiva – abitiamo insieme –, lo sveglio e gli dico: 'Andiamo a fare il provino per Amici'. E lui: 'Veramente lo vuoi fare?'. Nessun dubbio. Ho sempre avuto come obiettivo il mainstream, il pop. Quale vetrina migliore?": Stash Fiordispino, leader dei The Kolors, parla a Vanity Fair.

Fu Francesco Sarcina a segnalare la band nel talent show di Canale 5: "Sì, ma non lo sapevamo. Francesco l’abbiamo visto un paio di volte, mica eravamo amici".

Dopo... "Abbiamo fatto il provino evitando le nostre cose alla Arctic Monkeys o Franz Ferdinand. Ad Amici hanno sempre vinto voci potenti e melodiche, noi siamo arrivati con i capelli sporchi e i giubbotti di pelle. Poi è entrata Maria (De Filippi, ndB), ha sorriso e tutto è passato. Lei sa metterti a tuo agio. Ma parliamo di noi. Abbiamo imparato come tradurre la nostra musica in un sound che possa essere apprezzato anche da chi ascolta Gigi D’Alessio".

Dai locali underground a una scuola... "Davanti agli scontri tra ballerini diciottenni ero un po’ basito, ma è andata bene anche se ero da solo: le band sono ammesse per non far cantare il concorrente sulla base. Che è una cosa un po’ anti-band, ma si sapeva dall’inizio. Comunque Alex e Daniele non ne hanno sofferto, siamo come fratelli. E durante il serale stavamo insieme in sala prove da mattina a notte".

Speravano nella vittoria finale: "Un po’ ci credevamo, ma in finale c’era Briga che fa hip hop, che considero il nuovo pop e piace al target delle ragazzine che televotano".

Intanto hanno scoperto anche il nome della sua ragazza, Carmen Fiorentino: "Mi dà fastidio. I momenti che passo con lei sono privati, non vedo il motivo di tutto questo interesse. Sono qui per fare musica. Faccio fatica a pensarmi come l’idolo delle ragazze, anche se vedere impazzire persone per te è una sensazione inspiegabile. È la violazione della privacy a spaventarmi".

Sul look: "Non è costruito, piuttosto un omaggio agli anni ’80. Faccio tutto da solo, anche nella scuola, conosco i miei difetti, so come fare gli occhi più grandi".

La critica che gli ha fatto più piacere: "Essere considerati un gruppo con un’identità musicale forte. Renato Zero, poi, per il duetto con noi ha voluto che le sue hit fossero molto alla The Kolors".

E sul futuro: "Continuiamo a fare la nostra musica e andremo a Londra per aggiornarci. Rimaniamo con i piedi per terra sognando in grande. Bisogna mirare a 100 per arrivare a 60. Puntiamo ai grandi festival internazionali come Glastonbury o Coachella".

  • shares
  • Mail