La strada dritta, rassegna stampa: fiction che sembra un lungo spot, "sagomato" ingegner Cova, svolta nel manierismo

Ecco le analisi di Grasso, Dipollina, Caverzan e Tosti sulla miniserie di Rai1 dedicata alla costruzione dell'Autostrada del Sole.

RASSEGNA STAMPA su La strada dritta (voto: 6), la fiction di Rai1 trasmessa lunedì 20 e martedì 21 ottobre. Nel cast Ennio Fantastichini (7), Giorgio Marchesi (7), Anita Caprioli (7), Carmine Recano (7), Raffaella Rea (7), Valeria Bilello (6,5).

ingegner cova-la strada dritta-fiction rai1
Aldo Grasso sul Corriere della Sera


"Ci troviamo di fronte a una specie di lungo spot per Autostrade per l'Italia dove le battute sono rivolte al presente ('Non ci sono i soldi ma ci sono le idee, l'Italia risorgerà...', 'Mi tolga di mezzo i burocrati') e dove i rapporti di coppia sono di disarmante prevedibilità. Come al solito manca la cura dei dettagli (bambini milanesi che parlano con accento romano, citofoni moderni, taglio dei capelli...). Non bastano Domenico Modugno o Fred Buscaglione per fare epoca, ci vuole altro".

Antonio Dipollina su Repubblica


"... alla fine si fa l'autostrada mentre passano scene notevoli su come si rintuzzano i parroci di paese nonché i politici della vecchia sinistra che sostengono si stia facendo solo un favore alla Fiat. Dentro devono starci anche vicende sentimentali e umane ma con tutte le istanze in gioco forse si è ottenuto il massimo risultato possibile. Giorno verrà che un'operazione di questo tipo non dovrà per forza avere carattere celebrativo e uno come Fantastichini potrà dispiegare il suo talento in un ruolo meno sagomato".

Maurizio Caverzan su Il Giornale


"Il miracolo economico col sogno del frigorifero in cucina e le storie rosa sono un mix così visto che ormai non può non scadere nel manierismo e in una narrazione scolastica. Auto d'epoca, giacconi da lavoro, sottovesti e arredi vintage: tutto è fin troppo giusto. Inevitabilmente ci si sofferma più sugli incontri ravvicinati che sulle gettate di cemento".

Massimo Tosti su Italia Oggi


"Il regista Carmine Elia è riuscito a dare ritmo a una storia di per sé arida e a ricostruire con fedeltà l'Italia di allora. Ennio Fantastichini ha dato grande credibilità al personaggio. E anche gli altri attori hanno fatto il loro con diligenza e professionalità".

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO