Carlo Conti, nel 2006 quarta edizione de I raccomandati con ascolti positivi e critica al target commerciale di Canale 5

Trentatreesima parte della storia radiotelevisiva del conduttore toscano che a febbraio 2015 presenterà il Festival di Sanremo.

CARLO CONTI STORY/33 "Un salto a Sanremo? No, Giorgio (Panariello, ndB) non ne ha bisogno, è un mattatore, perfettamente in grado di portare a termine il compito": così Carlo Conti a Repubblica a gennaio 2006 alla vigilia della quarta edizione de I raccomandati. "Andiamo in onda il martedì, il giorno più difficile della settimana, su RaiDue c'è la partita, su RaiTre Ballarò che sta andando fortissimo, su Italia Uno ci sono Le Iene, Canale 5 ha Carabinieri...".

carlo conti-i raccomandati-2006

Preoccupato? "Insomma, l'ascolto è spalmato, speriamo di fare degnamente il nostro, sono consapevole che la serata è diversa dalle altre. Noi siamo tranquilli, il programma ha subìto un restyling, ci siamo rodati via via, poi quest'anno ho tre bellissime compagne di viaggio, la modella spagnola Laura Barriales, la toscana Pamela Camassa, arrivata terza a Miss Italia, e Natalia Bush, che con quel cognome potrebbe sembrare una super-raccomandata ma in realtà è spagnola, di Tenerife, una ex nuotatrice diventata modella".

E poi c'è Cristiano Malgioglio: "Giusto. E' lui la vera primadonna...".

Ascolti superiori ai 5 milioni con share tra il 21 e il 24%.

Intanto, dopo le polemiche, l'Auditel fa marcia indietro e sospende la pubblicazione dei dati di ascolto della fascia d'eta 15-64 anni, il target commerciale che fa brillare lo share di Canale 5. Conti commenta al Corriere della Sera: "Meglio se nessuno si fa l'Auditel su misura. Il campione deve tenere conto di tutta la popolazione italiana. È troppo comodo - aggiunge con una battuta - se tolgo la Val d'Aosta o la Puglia perché mi abbassano l'ascolto".

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

  • shares
  • +1
  • Mail