Alessandra Amoroso: "Quando fui bocciata ai provini di Amici nel 2004. 4 anni dopo fu l'inizio di una vita nuova"

A Repubblica.it la cantante salentina ricorda la prima partecipazione ai casting del talent show, andata male, e l'ammissione nella scuola. Poi ringrazia i fan.

"La commessa dalla bella voce che fu bocciata al talent show" è il titolo di un articolo pubblicato da Repubblica Bari che ripercorre il primo provino di Alessandra Amoroso ad Amici. E' la stessa cantante salentina a ricordare cosa accadde nell'agosto 2004 quando lei aveva compiuto 18 anni.

"Partii in regionale da Lecce con mia mamma, che mi ha sempre aiutato e sostenuto, e, dopo una notte infinita di viaggio, arrivammo a Roma che albeggiava - si legge - Non l'avevamo mai vista. Era così grande, così affollata, non riuscivamo a orientarci. Prendemmo la metro, c'era un fiume di gente, si accalcavano davanti alle porte, era impossibile persino respirare. Ma io e mia madre eravamo piene di speranza. Eravamo lì per il mio sogno. Anche a Cinecittà c'era tantissima gente, tanti ragazzi da tutta Italia lì per il mio stesso motivo: entrare ad Amici. Quando finalmente arrivò il mio turno, mi fecero entrare insieme ad altre 14 persone, ci misero in fila e ci fecero cantare uno dopo l'altro. Poco prima avevo visto una ragazza che mangiava delle acciughe. 'Perché?', le avevo chiesto. 'Perché fanno bene alla voce!'. Io e mia madre avevamo mangiato di tutto prima di arrivare… Ero preoccupatissima, Non ce la farò mai, pensavo. Al mio turno cantai Amor mio di Mina, in sala c'era il maestro Vessicchio. L'attesa del responso era snervante e piena di ansia. Quando ci chiamarono: 'Chi è Alessandra Amoroso?', dissero. 'Eccola!', risposi. 'Alessandra Amoroso rimane, tutti gli altri via'. Non riuscivo a crederci.

Le altre prove andarono tutte molto bene, gli esaminatori erano contenti e io ero fiduciosa, per la prima volta pensai 'Forse ce la faccio'. In teatro c'era mia madre: quando cantai lei pianse, è stata la prima volta che ho visto piangere mia madre, eravamo piene di emozione.

Finite le prove io e mia mamma tornammo a Lecce felici. Ripresi a lavorare, aspettavo la telefonata della redazione di Amici: sarebbe arrivata, mi avevano spiegato, soltanto se ero effettivamente passata. Lavoravo e aspettavo, aspettavo, aspettavo. La telefonata non arrivò mai. Quell'anno mi avevano anche bocciata a scuola: pensai che la mia vita era tremenda, ero tristissima, delusa, ad Amici non volevo tornare mai più".

alessandra amoroso-provino-amici 8-casting

Finché nel 2008 "un mio caro amico mi disse: 'Vai Ale, provaci, ce la puoi fare!'. Ero molto dubbiosa, non volevo stare così male un'altra volta; alla fine mi convinsi. Sarei andata, ma in modo diverso; non ero mai stata in vacanza a Roma, ci andai con la mia migliore amica. Sono qui per divertirmi, pensavo, vedo la città, vado a ballare, faccio il provino per gioco, non ci credo neanche un po'.

In più, man mano che i provini andavano avanti, io dovevo tornare a lavorare. Per cui facevo avanti indietro Lecce/Roma, viaggi in regionale infiniti, spesso dovevo andare direttamente dal treno al lavoro, ancora una volta dovevo aspettare la telefonata, ero stanca, sfiduciata, non mi fidavo. Al lavoro – al tempo facevo la commessa – non potevo portare il cellulare, per cui alla redazione diedi il numero di là. Un giorno la mia responsabile mi chiamò: 'C'è una telefonata per te'. Era la redazione di Amici, mi saltò il cuore in gola. 'Sei stata selezionata per l'ultimo provino, devi tornare a Roma'. Questa volta partii da sola. Ricordo perfettamente il momento in cui, in trasmissione, mi chiamarono: 'Alessandra Amoroso, cantante'. Piansi, risi, cantai: ero così felice. Eravamo in differita per cui nessuno sapeva che ero stata presa: quando finii chiamai mia madre, i miei amici, tutti. Fu una gioia grandissima, un'emozione totale, l'inizio di una vita nuova".

E oggi? "Sono 6 anni che faccio questo lavoro. È la più bella vita che posso immaginare, cantare è la mia grande passione e il pubblico è la mia Big Family: molto più che fan, loro per me sono amici, fratelli. Tra noi c'è un grande amore, davvero siamo una grande famiglia. Tante volte mi capita di pensare al mio matrimonio, penso che vorrei poterli invitare tutti, condividere con loro una gioia così grande. Perché in questi 6 anni siamo cresciuti insieme, io ho visto crescere loro, loro hanno visto crescere me".

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 726 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO