Radio Deejay: Volo torna al mattino, Zerbi solo nel week-end, via Baldini, sogno-Fiorello per Linus

Anticipazioni sul palinsesto della prossima stagione dell'emittente radiofonica diretta da Linus che riaccoglie l'ex conduttore della seconda serata di Rai3 e parla di altri volti.

fabio volo-linus-radio deejay.jpg Dopo l'addio della scorsa estate Fabio Volo (voto: 7), rimasto senza tv (non tornerà su Rai3 con la striscia in seconda serata), ricomincia dal 30 settembre in quella che è stata la sua casa per quindici anni. On air su Radio Deejay dalle 9 alle 10 sempre con Il Volo del mattino, il conduttore - e attore, scrittore - è pronto a intraprendere una nuova avventura perché nel frattempo "sono cambiato e cambierà anche il mio programma".

La questione economica che la scorsa estate era stata paventata come possibile causa dell'addio viene subito risolta dal direttore della radio, Linus: "L'aspetto economico non c'entra, le condizioni sono le stesse di prima".

"Considero la radio e la scrittura il mio lavoro - spiega Fabio - l'anno scorso mi sono fermato con la radio un po' per il programma tv, un po' perché come in tutte le coppie io e Linus ogni tanto dobbiamo andare a dormire sul divano. È questione di carattere. Quando si sta insieme tanti anni si diventa come marito e moglie e io non ci sono tanto abituato. La mattina ho bisogno di andare al lavoro ed essere innamorato, non mi sentivo più la cosa nella pancia. Ora torno con l'emozione dell'inizio".

E Linus confuta pure le teorie di uno scontro sulla linea editoriale e di un litigio, "quando decido che uno va in onda in una fascia oraria poi quella persona fa quello che sa fare. Sono prima di tutto un artista e poi l'allenatore di questa squadra e non metto paletti. Dietro la sua immagine di scavezzacollo, Fabio è uno che ha disperatamente bisogno di essere cagato e io sono un po' arido da questo punto di vista. Lui è un fuoriclasse, va gestito e interpretato ma lui ha l'X factor".

Un anno di lontananza che sembra non essere mai passato. "Stamattina ho ritrovato l'armadietto con il mio nome - racconta Volo - e mi sono commosso". Ma oltre all'armadietto, Fabio ritrova la stessa fascia oraria e lo stesso format che però subirà qualche variazione. Modifiche legate all'evoluzione della vita del conduttore, "che in questi 12 mesi è cambiata e cambierà anche il programma" spiega, riferendosi alla sua prossima paternità. "Innanzitutto potrò finalmente dire la frase 'scusa, finché non hai un figlio non puoi capire', me l'hanno sempre detto e non potevo mai replicare".

Il palinsesto di Radio Deejay per la prossima stagione si annuncia piuttosto conservativo. "Non ci saranno altre novità, a parte lo spostamento di Rudy Zerbi che, a causa del molplicarsi dei suoi impegni televisivi, lascerà la striscia quotidiana per avere uno spazio nel weekend", aggiunge Linus, che invece non vuole commentare l'addio di un altro big della radiofonia italiana, Marco Baldini. Nel libro dei sogni un posto d'onore lo occupa da sempre Fiorello: "Mi piacerebbe ospitarlo nella sua nuova avventura che è per il 90% web, ma che potrebbe avere una piccola declinazione radiofonica. Lui sa che comunque questa è casa sua". Poche parole invece sono dedicate a Deejay Tv: "Ci sono delle novità all'orizzonte ma è prematuro parlarne ora. Siamo un gruppo editoriale e come tutti risentiamo di questo momento complicato per il settore".


Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.


Dì la tua qui sotto in area-commenti oppure nel forum del blog.

  • shares
  • Mail