L'isola dei famosi cancellata, Vladimir Luxuria: "Si può fare altrove"/Klaus Davi: "Meglio i talent"

Scritto da: -

Ecco le dichiarazioni degli "addetti ai lavori" dopo la decisione dei vertici Rai di sospendere almeno nel 2013 la messa in onda del fortunato reality show su Rai2.

isoladeifamosi8marzo20121.jpg “Se la Rai pensa che L’isola dei famosi sia un programma non degno di un servizio pubblico, penso che si possa trovare un altro canale su cui farlo”: parola di Vladimir Luxuria, che commenta a Panorama.it la scelta di non realizzare la decima edizione del reality cult di Rai2.

“Sopravvivrò anche alla cancellazione dell’Isola. In questo momento penso agli abitanti del villaggio Sambo Creeck, in Honduras che campano dell’Isola: lavorano per tre, quattro mesi con Magnolia e per loro è un grande sostentamento” dice l’inviata dell’ultima edizione.

Colpa dei costi troppo alti? “Il programma costa molto perché è una macchina enorme, ma non so se sia questo il motivo: di certo però gli ascolti ripagano l’investimento. L’idea che si sia cancellata perché è una trasmissione trash non l’accetto: con Nicola Savino abbiamo tentato di fare una trasmissione senza urla e parolacce, più divertente e ironica, com’è giusto che sia. Ho la coscienza a posto: l’Isola l’ho fatta con assoluta dignità sia da concorrente sia da conduttrice. Voglio augurarmi che ci siano altre proposte: ho scoperto con l’Isola che la conduttrice la so fare. Per ora non ci sono altri programmi all’orizzonte ma arriveranno, perché sono ancora giovane!”, chiosa ironica Luxuria.

“Non credo che il genere reality sia finito e nemmeno l’Isola. E’ un programma che funziona, fatto da grandi professionisti, ma forse apparirebbe surreale in questo periodo. Un anno di stand by gli farà bene”, spiega il massmediologo Klaus Davi. “Credo che sia il momento dei reality legati alla società: non a caso Sky pensa a un progetto sul sociale condotto dalla Ventura, che si è evoluta, è un volto spendibile e molto pop, proprio nel senso di legata al popolo.

“Mi spiace perché è l’ultimo vero reality”, dice l’ex naufraga Loredana Lecciso. “L’Isola era vera, divertente e aveva anche un aspetto consolatorio: potevi vedere i personaggi senza maschera, con le loro fragilità. Non c’erano filtri”, spiega la protagonista dell’Isola numero 7. “E’ un programma cui sono affezionata perché l’ho fatto - e con grande divertimento - ma anche da telespettatrice mi ha sempre divertito molto. La Ventura era perfetta. Rispetto le scelte editoriali della Rai: mi pare che il reality stia evolvendo, ma non credo sia un genere destinato a finire a breve”.

“Trovo che sia una scelta di moralismo estremo” osserva Alessandra Menzani, responsabile delle pagine di spettacolo del quotidiano Libero. “Puntare il dito contro il trash è un falso problema: seguendo questo criterio andrebbero chiusi tanti altri programmi, compresi alcuni d’informazione. Poi l’ultima edizione aveva virato verso una formula più ironica, con meno drammi e gossip, che personalmente mi aveva fatto impazzire. Savino e Luxuria mi avevano convinto”.

“I talenti sono più in linea col momento che stiamo vivendo” spiega Klaus Davi. “Da una parte c’è il successo di MasterChef e quello di Briatore con The Apprentice. Dall’altra quello dei talent come Amici o X Factor. In tutti i casi la gente vuole vedere il talento, persone capaci di fare qualcosa. Che sia il manager, lo chef o il cantante. Storie in cui identificarsi: pensiamo a Giusy Ferreri che da cassiera è diventata una grande artista. Il merito è di moda e il web amplifica l’interesse verso questi programmi”.

Segui Reality & Show su Facebook, Twitter e Google+.

Dì la tua qui sotto in area-commenti oppure nel forum del blog.

LINK UTILI
La Rai cancella l’Isola dei Famosi: Top Ten delle assurdità isolane (un delirio durato 10 anni)

L’isola dei famosi 2013: salta la decima edizione, Nicola Savino condurrà Un minuto per vincere

The Voice of Italy in onda su Rai2 al posto de L’isola dei famosi stoppato dai vertici Rai?

Rai senza L’isola dei famosi e The Voice? Colpa dei tagli alle produzioni, palinsesti impoveriti

L’isola dei famosi 10, Nicola Savino: “La Rai non rinuncerà a un prodotto di successo, sono pronto”

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 3 voti.