Chiambretti Sunday Show resta su Italia 1 in prima serata nonostante gli ascolti: critici divisi

Confermato il varietà domenicale di Italia 1 con Piero Chiambretti anche se i dati Auditel sono stati bassi. Ecco le analisi di Grasso, Dipollina, Comazzi, Degli Antoni e di Libero.

chiambretti-sunday-show-.jpg Nonostante gli ascolti flop della prima puntata Piero Chiambretti (voto: 7) è confermato con il suo Chiambretti Sunday Show (6,5), in onda domenica 29 gennaio in prima serata su Italia 1. Intanto la Rete sta riproponendo ogni giorno in terza serata per 30 minuti pillole del varietà con contenuti inediti e immagini mai viste dei vari segmenti.

RASSEGNA STAMPA Aldo Grasso sul Corriere della Sera: "In tempi di tagli ai budget (e, a quanto pare, alla creatività), Chiambretti ha tentato di portare nella prima serata di Italia 1 i temi e i linguaggi di una seconda serata che ormai praticamente non esiste più. Quello che avrebbe dovuto essere il suo Muzik Show, il grande ritorno della musica in televisione, dopo il semi-insuccesso dello speciale di dicembre con la Pausini si è trasformato nel consueto salotto di freak e ballerine. Ma ogni cosa ha i suoi tempi (e fa il suo tempo), e le atmosfere da night club poco si addicono al prime time della domenica. La lunga intervista a Peter Dinklage, attore della serie Game of Thrones trasmessa da Sky Cinema e recente vincitore di Emmy e Golden Globe, ha ridefinito i termini dell'imbarazzo della star americana alla tv italiana, già ampiamente descritti da Sofia Coppola in Somewhere: domande pruriginose e inconcludenti, con insistenza morbosa sul nanismo dell'attore e sulle sue conquiste amorose (sul set e nella vita), continuamente interrotte da una varia umanità di danzatrici e «fotografe» seducenti. Con la costante dello sguardo dell'attore, ora incredulo ora rassegnato. Il «governo tecnico», parata serissima di giornalisti e professionisti vari, dopo la sorpresa per la trovata risulta presto stucchevole (si salva, come al solito, Costantino della Gherardesca). Così, a quanto pare, non bastano gli insistiti riferimenti al sesso e alle belle donne, o la ricchezza confusa di stimoli diversissimi tra loro, a fare un programma di successo: ci vuole qualche idea, e quella mancava".

Antonio Dipollina su Repubblica: "Si era vagheggiato di un programma musicale (mica una cattiva idea): invece lo spazio da coprire costringe più o meno alla solita cosa. Il punto è che Chiambretti va, la prima puntata era godibile, lo spazio musicale era una parodia (lo era, vero?) dei talk show affollati. E ancora il processo con Coruzzi-Platinette e Mr. Forest era spassoso e c'era - anche - parecchia tenerezza nell'intervista al piccolo Peter Dinklage".

Alessandra Comazzi su La Stampa: "Se non si può accorciare la puntata, altrimenti non si ammortizzano i costi, almeno i segmenti dovrebbero essere più svelti. Per non ammazzare qualunque idea e professionalità. Invece Chiambretti, che è sempre un grande uomo di spettacolo ma l'altra sera sembrava emozionato, o insicuro, o non contento di come stavano andando le cose".

Da Il graffio su Libero: "Il programma è bello, divertente, originale e lui pare non abbia mai ricevuto tanti complimenti. E' il flop che lo deprime meno nella sua carriera. I bassi ascolti, paradossalmente, sono un merito se pensiamo che sulla stessa rete Colorado fa il 14%, un'incomprensibile enormità".

Piero Degli Antoni su Qn: "Per qualche insondabile motivo Italia 1 ha chiesto a Chiambretti un programma di prima serata, il che dimostra che i capitano Schettino sono diffusi in ogni ramo dell'attività umana. E Chiambretti ha fatto quel che sa fare, cioè una trasmissione che non vuole incagliarsi sugli scogli della banalità, della semplicità, dei luoghi comuni, dell'edito, del risaputo, del trito e dello snervato. Chiambretti è incuriosito dai passaggi laterali, dalle strade che si biforcano, dai personaggi parallei, da chi sa prenderti alle spalle. Come un drone orbita intorno alla tv: osserva ma non allunerà mai".


LINK UTILI
Chiambretti Sunday Show domenica in prima serata su Italia 1: Piero tra Arena, Confessionale, ospiti

  • shares
  • Mail