Milly Carlucci a La vita in diretta attacca Baila e il format messicano: "Grazie ai blog". Esulta Barbara d'Urso

Milly Carlucci interviene a La vita in diretta per difendere Ballando con le stelle. Roberto Cenci: "A Baila 250 persone in fibrillazione". Esulta Barbara d'Urso per gli ascolti.

durso-carlucci.jpg "Sono molto soddisfatta e felice del successo di Baila per il quale ringrazio sempre la Madonnina... Siamo andati in onda con un programma messo su in due ore e ci siamo divertiti moltissimo, come si è divertito anche il pubblico a casa": così Barbara d'Urso (voto: 6) commenta con l'Adnkronos i risultati degli ascolti.

Su Chi, in edicola da mercoledì, invece, botta e risposta tra il direttore artistico del programma, Roberto Cenci, e Milly Carlucci (7). Il primo afferma: "Quando abbiamo appreso la decisione del giudice abbiamo dovuto spiegare alle oltre duecentocinquanta persone che da circa quattro mesi lavorano a Baila che c'era il rischio di perdere tutto. Vi lascio immaginare lo sconforto di chi ha temuto di finire in mezzo a una strada. La Carlucci ha detto che erano tutti in fibrillazione per il verdetto, spero che Milly non si riferisse alle persone che, in caso di chiusura del programma, avrebbero pagato il prezzo più alto, in un periodo di crisi come questo".
Replica della Carlucci: "Ballando è una risorsa per tutta l'azienda Rai, una grande risorsa che rischiava di essere depredata mettendo a repentaglio il lavoro delle centinaia di persone che ci lavorano e delle migliaia di dipendenti (...) Quando sei un direttore artistico sei come un buon padre di famiglia e, se coinvolgi la tua famiglia in un'attività illecita, la responsabiltà è tua".
Sul tema dei programmi che si assomigliano Chi ha sentito anche Rita Dalla Chiesa (6,5), storica conduttrice di Forum (6), programma a cui il recente Verdetto finale (6) della Rai appare molto simile: "Chiamiamo le cose con il loro nome, quello è una fotocopia del mio programma. Avrei anche fatto causa, ma ho lasciato che fosse il pubblico a scegliere, una volta visti i programmi. Lo stesso penso valga per Baila e Ballando: come si fa a condannare una trasmissione a scatola chiusa? Milly, in linea di principio, ha fatto bene a difendere il proprio prodotto se si sentiva minacciata, ma penso che un programma non tolga nulla all'altro: lei e Barbara sono due conduttrici molto amate, con stili diversi e ognuna con il proprio pubblico. Il vero problema è autorale: bisognerebbe spingere chi scrive a creare qualcosa di nuovo. Non è un fenomeno nuovo, pensi a quanti programmi sono figli de La Corrida".
La Carlucci è intervenuta nell'anteprima de La vita in diretta (6) e ha detto: "Noi autori di Ballando abbiamo iniziato un'azione per difenderlo dalle imitazioni. Anche il lavoro degli autori è una proprietà intellettuale che va tutelata: lo ha stabilito il giudice che ha parlato di contraffazione di Ballando per il nuovo programma". Sul fatto che Baila sia comunque andato in onda sia pur con modifiche: "Ho visto il programma ma non posso esprimere giudizi personali. La vicenda è ancora aperta. La scelta di andare in onda? In Rai ci saremmo fermati. Altri hanno scelto in modo diverso...". E poi: "Hanno detto che hanno acquistato un programma messicano. Fortunatamente esiste internet. Ringrazio i blog che hanno reperito un filmato che mette a confronto il format messicano - Bailando por un sueño - e Ballando con le stelle. In Messico hanno le clip in cui presentano le coppie, un marchio simile, lo studio rosso e due lampadari... Parlano di sogno per le coppie ma si tratta di un talent sul ballo. Alle fine ci sono i voti dei giudici con le palette. I due programmi erano totalmente sovrapponibili". E su Baila: "La tv non va usata per raccontare il falso. Non si può andare in onda e presentare dieci ballerini che hanno fatto gare di ogni tipo, dicendo che sono agricoltori o impiegati e non come campioni di ballo. Ringraziamo i blog che hanno evidenziato queste cose. Mi spiace per la deontologia televisiva. Noi torniamo a gennaio".


  • shares
  • Mail