Marco Carta in concerto a Lavello nel resoconto di Carla: "Il suo cuore batte in sintonia con i nostri"

Ecco il resoconto del concerto di Marco Carta a Lavello (Potenza) del 9 settembre scritto dalla commentatrice di questo blog Carla.

marco carta-lavello-concerto.jpg Ecco il resoconto del concerto di Marco Carta a Lavello (Potenza) del 9 settembre inviatoci dalla commentatrice di questo blog Carla 1987: "L'emozione mi pervade, non quando decidiamo io e mia madre di andare al concerto, ma quando creo la foto per il cuscino da regalare a Marco. La settimana scorre velocemente  ed ecco che arriva il fatidico giorno 9 settembre 2011 destinazione Lavello.
Partenza da Napoli con il pullman organizzato alle ore 8.40, come sempre durante il viaggio un mix di emozione pervade il mio corpo, ansia, gioia, euforia.

Arriviamo in piazza intorno 12.30, salutiamo tutte cartine e cartone accampate li già dal giorno prima. Nel pomeriggio mettono le tranesenne ed ecco che mi ritrovo di nuovo davanti a quel palco e... non vedo l'ora che inizi il concerto.
La giornata passa velocemente tra risate, nuove amicizie, allestimento del palco con palloncici colorati e scrivere cartelloni: il tutto accompagnato dalla sua musica in sottofondo e da scatti fotagrafici per ricordare quei momenti magici.
Arrivano i ragazzi della Band sorridenti più che mai, come sempre disponibili con noi, tra foto e saluti. Iniziano a provare e con loro anche il popolo di Carta inizia il coro preconcerto e tutta quella stanchezza che iniziavo a sentire svanisce in un istante.
Tutto ad un tratto mia madre urla: "E' arrivato Marco" e successivamente tutte noi ad urlare il suo nome  e lui ci saluta. In pochissimo tempo riesco a dire a mia madre, io vado mantieni il posto, il mio obbiettivo era salutare da vicino Marco e se ci fossi riuscita a fare un'altra foto ricordo cosicchè vado dietro al palco e, dopo tanta inisistenza con la security e con il comitato, io e 5 mie amiche riusciamo ad entrare nella stanza dove stava Marco e a farci velocemente una foto di gruppo: quell'incontro mogico è stato un attimo di felicità.
Uscite dalla stanza, ci troviamo di fronte una piazza gremita di persone cosicchè iniziamo a correre per prendere di nuovo i nostri posti.
Finalmente sale la band sul palco e quel cuore inizia nuovamante a battere in sintonia con tutti i nostri cuori, è solo questione di qualche minuto e quella sua  voce così dannatamente bella avrebbe iniziato a graffiare il mio cuore. Quei battiti si fermano e in quell'istante le nostre urla accompagnano l'ingresso sul palco di Marco.
Con il suo sorriso e la sua voce inizia ad illuminare quel palco.
Con la sua voce sempre più matura e lui sempre più conivolgente e simpatico legge i nostri cartelloni tra una canzone e l'altra.
Prima che inizi a cantare Il segno che ho di te dice: "Dedicata a tutti quanti voi, perchè mi avete lasciato un segno forte" ed ecco che partono applausi ed urla e con tanta grinta e potenza vocale è come se ci ringraziasse. Subito dopo Dentro ad ogni brivido riesco a parlare con lui e gli dico: "Marco il cuscino è per te"... lui mi ringrazia dicendo che è bellissimo e che lo avrebbe portato a casa.
Segue Dare per amare e con tanta carica balla e canta sul quel palco ed io in quel minuscolo spazio mi alzo in piedi sulla transenna ballando, cantando con lui. Poi Resto dell'idea: è una delle mie preferite insieme al Giorno perfetto dell'album La forza mia. Non so per quale motivo ma, con quelle sue variazioni vocali, riesce a trascinarmi in un vortice di emozioni.
Arriva La donna cannone, un momento di pura magia: ed in faccia ai maligni ai superbi il suo nome scintillerà... canta Quando nasce un amore... ed i suoi ed i nostri occhi si illuminano di gioia... è un angelo che canta, un angelo che canta alla sua mamma, ed è come un bambino che ha bisogno di cure, devi stargli vicino, devi dargli calore... preparargli il cammino, il terreno migliore, quando nasce un amore... è un'emozione nella gola da quando nasce a quando vola...  i suoi occhi lucidi e la sua voce trasmettono il suo vero stato d'animo, la vera emozione che prova quando canta le canzoni dedicate alla sua mamma.
Continua con E penso a te... un inno al suo amore, è come se nella vita reale stesse cercando la sua amata, ed invoca con la sua voce questo suo amore... è troppo grande la città per due che come noi si stan cercando... come disse lui in un concerto "Passione Pura, quando faccio questo pezzo godo come un animale, perché mi sento proprio così,mi piace proprio, me la sento bollire nel sangue!!!".
Ed ecco La forza mia, balla e canta con noi, prima che finisca di cantare prende il mio cuscino e lo posa vicino agli altri regali ed io all'impiedi su quella transenna, quando si gira lo sorrido e lo ringrazio, e lui ricambia con un sorriso e fa un segno con la mano, finito di cantare lascia il palco ed io decido di scalvare la transenna, mi seguono altre due mie amiche.
Dopo qualche minuto Marco ritorna sul palco con la sua band e dice "questo ultimo pezzo è per voi... grazie"... Ascolto e guardo Marco, ho un nodo alla gola, mi vien da piangere ed ecco che lacrime di gioia rigano il mio viso perchè il tour perfetto era giunto al termine... per sempre nel sangue e nel cuore lui ci sarà, finito di cantare, ci guarda con occhi sorpresi perchè vede lo spumante, scherza con la sua band, ci chiede se vogliamo una spruzzatina di spumante e tutto il suo popolo acconsente, apre la bottiglia ed inizia a spruzzare lo spumante e se la ride  il Paper... Beve vicino alla bottiglia se lo versa anche nella coppa per brindare... il tour prossimo, questo era il brindisi a un futuro centomila volte migliore... speriamo tante tante date con voi e con tante altre persone che arrivano lì aspettiamo a braccia aperte. A tanti bei dischi venduti e a tutti quanti voi che ormai abbiamo fatto 4 anni insieme... Vi Voglio bene... manda baci e lunghi applausi accompagnano la sua uscita...
Il mio tour perfetto è giunto al termine, si è concluso come non mi sarei mai aspettata: adesso ho solo ricordi, foto ed attimi di felicità custoditi nella mia mente e nel cuore... ancora una volta grazie grazie grazie... mi hai regalato emozioni che mi hanno lasciato un segno indelebile Paper. Ti voglio tanto bene! A reincontrarci al prossimo tour. In bocca al lupo per il nuovo disco.


Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO