Ti lascio una canzone 5, il sabato su Rai1 con Antonella Clerici: "Da evitare la concomitanza con Io canto"

Sabato 17 settembre torna Ti lascio una canzone, arrivato alla quinta edizione. Antonella Clerici teme il confronto con C'è posta per te e il clone Io canto.

ti lascio una canzone 5-antonella clerici-rai1.jpg "Siamo indeboliti dal fatto che giovedì va in onda un programma molto simile al nostro e sono cosciente della forza di una corazzata come quella di Maria De Filippi. Ma cercheremo di fare la nostra bella figura": Antonella Clerici (voto: 7) si appresta ad affrontare la nuova edizione di Ti lascio una canzone, che riparte il prossimo sabato in prime time su Rai1, consapevole dei confronti con Io canto 3 (7) di Gerry Scotti (7) e C'é posta per te.

"Oggi gli ascolti sono così frammentati - aggiunge la conduttrice, impegnata anche ne La prova del cuoco, quest'anno abbinato alla Lotteria Italia - E' molto difficile fare previsioni. Siamo tutti ridimensionati e non si torna indietro. Spero di vincere e di salvare dignitosamente il mio programma. E' un buon prodotto, giusto per Rai1. Così come è un buon prodotto C'é posta per te. Non sarà facile scegliere per il pubblico".
La Clerici, per la quale si sta pensando a un nuovo programma in prime time che dovrebbe andare in onda in primavera, per ora sta bene alla Rai e non pensa di traslocare, come altri colleghi, a La7 o a Sky: "Amo fare il contrario di quello che fanno gli altri. Per ora qui sto bene. Mi devo sentire molto amata e quando non lo ero l'ho detto apertamente. In un momento di difficoltà, in tutto il mondo, della tv generalista, a me piace la lotta". Quindi Simona Ventura (7), passata Sky, non è una lottatrice? "Simona ha fatto benissimo. Non si è sentita valorizzata e ha fatto anche una scelta personale. Lei è una pioniera di natura. Se non mi sentissi più bene, farei la stessa cosa".
Dopo Napoli, quest'anno il varietà del sabato sera prodotto da Rai1 in collaborazione con Ballandi, andrà in onda dall'Auditorium del Foro Italico di Roma. Protagonisti 40 giovanissimi interpreti tra gli 8 e i 15 anni, provenienti da tutta Italia. Le due canzoni più votate da una giuria popolare e dai telespettatori si affronteranno e chi avrà la meglio accederà alla finale. In Giuria di Qualità torna Massimiliano Pani, che sarà al fianco del neo papà Francesco Facchinetti e Orietta Berti.
OSPITI IN TV Nella prima puntata in studio anche Virna Lisi e Beppe Fiorello, mentre l'ospite musicale sarà Gino Paoli.
"Le gare non mi appassionano - confessa il direttore di Rai1 Mauro Mazza - Ho sempre cercato di proporre un programma forte il sabato sera. Quest'anno ci siamo riusciti, facciamo un prodotto di sicuro affidamento". Alla luce della forzata convivenza di due talent per ragazzini come Ti lascio una canzone e Io canto 3 Clerici e Mazza concordano entrambi sulla necessità di "un'intesa" ai piani alti di Rai e Mediaset. "Ormai loro sono in onda, certe cose andavano fatte prima - dice Antonella con pacatezza - E poi non sono così cattiva da voler cancellare un programma che dà lavoro a tanta gente. Dovrebbero regolamentare di non andare in onda nello stesso periodo: farebbe bene a tutti, anche a livello pubblicitario". "Auspico una patto di non belligeranza - aggiunge Mazza - partendo dal fatto che il vialetto è nostro e un'altra macchina ci ha rubato un po' di spazio". Entusiasta del progetto anche Massimiliano Pani: "I bambini oggi sono anestetizzati dai videogiochi. La musica nutre l'anima, apre dei mondi. Se poi diventeranno professionisti non si sa. Ma certamente cantano decisamente meglio dei cantanti senior". E il capostruttura Michele Bovi: "Non è vero che i bambini scimmiottano i grandi. Sono dei concorrenti veri e propri, dei grandi professionisti che possono portare via il posto agli adulti".


  • shares
  • Mail