Fabrizio Corona e Cecilia Rodriguez in una fiction su Graziella Mansi: la famiglia non autorizza

Fabrizio Corona e Cecilia Rodriguez protagonisti di una fiction su Graziella Mansi, la bambina bruciata viva a Castel del Monte. La famiglia nega l'autorizzazione.

corona--190x130.jpg Ad Andria e dintorni qualcuno si prepara a girare una fiction sulla drammatica storia di Graziella Mansi, la bambina di otto anni bruciata viva a Castel del Monte il 19 agosto 2001, dopo essere stata violentata. Una vita spezzata è il titolo.


Ma sono due aspetti a inquietare in questa vicenda. Tra i protagonisti ci saranno Fabrizio Corona, che farà la parte di un poliziotto che indaga sul caso, e Cecilia Rodriguez (voto: 4), sorella di Belen Rodriguez (5).

In più la pellicola, che potrebbe essere mandata in onda sulle Reti Mediaset, non ha al momento alcuna autorizzazione da parte della famiglia Mansi, nonostante il produttore Ezio Di Napoli asserisca il contrario al Corriere del Mezzogiorno: "Ho presentato il mio progetto a Giacomo Franciosa (fratello del più noto attore Anthony, ndB) e Corona (con cui ha girato anche un docu-film sulla sua vita, ndB), che lo hanno apprezzato molto".
In realtà Franciosa precisa: ""Quando ti viene proposta la direzione di un'opera è sempre qualcosa di lusinghiero. In questa circostanza io ho gentilmente rifiutato l'opportunità perchè credo che il tema della pedofilia vada trattato in maniera diversa. Non dirigerò Una vita spezzata e non c'è mai stata nessuna trattativa per farlo dato che ho declinato immediatamente l'opportunità appena mi è stata paventata, le notizie uscite sono quindi prive di fondamento".
Di Napoli ha anche dichiarato: "Il mio obiettivo, raccontando cosa è successo a quella bambina dal momento del sequestro fino alla condanna dei cinque colpevoli, è parlare della pedofilia. Ho anche fondato un'associazione, l'Ailap, per portare avanti questo obiettivo".
Della pellicola è stata fatta anche una presentazione informale ad Andria qualche giorno fa, con la bambina di 9 anni, Maria Caccialupi, che interpreterà Graziella. Mentre saranno diversi gli interpreti locali, pescati dalla strada, per contestualizzare la fiction.
Ma "i coniugi Mansi sono stati contattati da una persona a cui hanno solo raccontato la storia della loro bambina, ma non hanno autorizzato alcun film", spiega l'avvocato Lucia Ieva che assiste la famiglia insieme a Giangregorio De Pascalis. "Ora valuteremo il da farsi".


  • shares
  • Mail