Wind Music Awards 2011 tra pioggia incessante, caduta di Vanessa Incontrada, Teo Mammucari fuori ruolo e alcune esibizioni da brividi

elisa_giuliano sangiorgi_wind music awards.jpg Cosa resterà dei Wind Music Awards 2011, registrati venerdì e sabato scorsi e in onda su Italia 1 il 7, 14 e 21 giugno? Innanzitutto la pioggia torrenziale che ha creato moltissimi problemi la prima serata. Neffa non si è neppure presentato, Stefano Bollani se n'è andato mentre per altri grossi nomi come Claudio Baglioni, Biagio Antonacci, Ligabue, Cesare Cremonini, Litfiba, Max Pezzali, Francesco Renga, Subsonica e tanti altri le cose sono andate a corrente alternata. La più grande dimostrazione di professionalità è stata quella di Roberto Vecchioni, che ha registrato la sua esibizione quando le tre di notte erano passate da un pezzo.
Vanessa Incontrada (voto: 7), padrona della scena, si è emozionata fino alle lacrime quando Giuliano Sangiorgi dei Negramaro ed Elisa hanno duettato su una struggente Basta così. Sabato, però, è scivolata mentre era nel backstage ed è rovinata a terra, procurandosi una slogatura alla caviglia. Nonostante l'infortunio, ha condotto fino alla fine della manifestazione, introducendo gli ospiti stando seduta su uno sgabello. Più a disagio Teo Mammuccari (5), completamente fuori ruolo.
Gigi D'Alessio è stato accolto con bordate di fischi. "I fischi fanno male - ha detto - dopo tutti gli attacchi verbali e su Facebook che contrastavano la mia partecipazione al concerto pro-Moratti ho solo difeso la mia città. So che qui mi trovo in una terra dove la Lega la fa da padrona e rispetto tutte le idee politiche. Ci sono state polemiche fra la Lega e i napoletani che hanno fatto male anche a me. Sono amico di Roberto Maroni, ci siamo sentiti e spiegati". Da brividi, poi, il duetto sulle note di Senza fine fra Renato Zero e Gino Paoli, presentati da Francesco De Gregori. Ben quattro statuette ai Modà.


  • shares
  • Mail