Antonella Clerici: "Vorrei condurre Miss Italia. All'Arena di Verona grandi romanzi d'amore. Sanremo? Prima qualcosa di nuovo"

Sorrisi-n.-22-2011-antonella clerici-copertina.jpg Antonella Clerici (voto: 7) a ruota libera in una intervista esclusiva su Tv Sorrisi e Canzoni. Sulle voci che la vorrebbero alla guida della prossima edizione di Miss Italia dice: "Ho ricevuto una telefonata affettuosa, di stima, da Patrizia Mirigliani. Mi ha detto che gradirebbe che fossi io a condurre, ma che deve essere la Rai a decidere. Quindi per ora non c'è nessuna proposta ufficiale. Però mi piacerebbe! È l'unica cosa che mi manca in Rai. Mi fa ridere che nell'anno in cui il concorso apre alle forme e alla taglia 44 abbiano pensato a me! È un'apertura giustissima: la donna italiana nell'immaginario collettivo è quella con misure prosperose. E poi è una decisione al passo con i tempi: le ragazze oggi non sono filiformi e si mortificano per entrare in una taglia che non è la loro".
La Clerici si prepara intanto ad Arena di Verona - Lo spettacolo sta per iniziare, una serata evento dedicata all'opera, in onda il prossimo 1° giugno in diretta su Rai1 e Rai Radio 1: "Introdurrò ogni opera spiegandola come fosse un grande romanzo d'amore. Perché è proprio questo che sono la Traviata, l'Aida, la Bohème, Romeo e Giulietta: delle travolgenti e struggenti storie d'amore". Gli ospiti, da Gianni Morandi a Zucchero, dai Modà al baritono Erwin Schrott, passando per il violinista David Garrett, porteranno note pop, rock e classiche.
La prossima stagione ancora una volta La prova del cuoco (6,5) e Ti lascio una canzone (7): "Sicuramente, prima della scadenza del mio contratto a giugno dell'anno prossimo, sperimenterò qualcosa di nuovo, sto valutando diverse ipotesi. Credo che i conduttori giovani vadano in qualche modo protetti mentre una conduttrice professionalmente 'anziana' come me dovrebbe fare cose nuove e rischiare: ormai ho il polso di quello che piace al pubblico di Rai1".
No al ritorno immediato al Festival di Sanremo: "Con l'impegno di un programma quotidiano come La prova del cuoco non si può pensare di preparare un Festival. Poi vedremo. Certo, mi piacerebbe, ma solo quando avrò un'idea davvero forte, come una partnership insolita. Mi sarebbe piaciuto fare almeno una parte con Luciana Littizzetto, una donna così diversa da me, ironica, divertente, surreale. Magari circondate da uno stuolo di maschi meravigliosi...".


  • shares
  • Mail