Napoli milionaria!: mercoledì su Rai1 il capolavoro di Eduardo De Filippo con Massimo Ranieri (che sogna Sanremo) e Barbara De Rossi

napoli milionaria_ranieri-rai1.jpg Gennaro Jovine, povero abitante di un "basso" napoletano, durante la guerra assiste impotente alla borsa nera che la moglie Amalia e i figli fanno per sopravvivere. Durante un sopralluogo della polizia è costretto a fingersi morto per non far scoprire la merce. Viene fatto prigioniero e Amalia intrattiene un'amicizia, non solo d'affari, con il giovane Errico Settebellizze. La figlia Maria Rosaria rimane incinta di un soldato americano e il figlio Amedeo diventa ladro d'auto. Gennaro ritorna improvvisamente dalla prigionia mentre tutto il vicolo si prepara a festeggiare a casa sua il compleanno di Errico. Nell'euforia generale nessuno vuole ascoltare le sue vicende. Gennaro abbandona il pranzo e va a vegliare Rituccia, la figlia più piccola, gravemente ammalata, in pericolo di vita. A fornire la medicina giusta sarà il ragionier Spasiano, a cui Amalia, con la borsa nera, ha tolto ogni bene. ..."Ha da passà 'a nuttata": per superare la crisi di Rituccia e della famiglia, di Napoli, di tutti.
Questa la trama di Napoli milionaria!, il secondo dei quattro grandi capolavori del Maestro Eduardo De Filippo che l'ambizioso progetto di Rai1, la "Tv che si fa teatro", porterà sul piccolo schermo mercoledì 4 maggio, in prima serata. Protagonisti della commedia in tre atti: Barbara De Rossi (voto: 7), che vestirà i panni di Amalia Jovine, Enzo Decaro (7), che interpreterà il piacente Errico Settebellizze, e il mattatore napoletano Massimo Ranieri (8) che, oltre a firmare la regia teatrale e curare l'adattamento in italiano del testo insieme a Gualtiero Peirce, darà vita a Gennaro Jovine, figura chiave della storia definita dallo stesso Ranieri "un piccolo, gigantesco eroe".
"Da attore e regista, il regalo più bello per il 60° compleanno - dichiara Ranieri - sarebbe ricevere la telefonata del direttore di Rai1 Mauro Mazza che mi comunica il successo della serata come ha fatto il giorno dopo Filumena Marturano. Gennaro Jovine è un personaggio meraviglioso, uomini come non se ne trovano più. Mi ricorda mio padre, la sua pulizia sentimentale, intellettuale e morale che ha avuto per tutta la vita. E' un gigante in mezzo a questi pigmei che vede il crollo dei sentimenti negli amici e, soprattutto, nella moglie e nei figli ma che, proprio grazie ai valori in cui crede e alla sua pulizia, riesce a scacciare i demoni e a rimettere insieme i pezzi". Su Amalia: "Su di lei ho calcato la mano rispetto all'originale. Se esistesse oggi probabilmente sarebbe una che manda i suoi ragazzini a spacciare cocaina fuori alle scuole. E' dura e senza ideali, una donna terribile che ho amato, odiandola, mentre la costruivamo. Per Barbara De Rossi ho voluto un trucco che ricordasse la Joan Crawford terribile del libro Cara mammina scritto dalla figlia". Poi un accenno alla modernità di Napoli milionaria: "E' il capolavoro di Eduardo. Ed è, purtroppo, terribilmente attuale, sembra che questa 'nuttata' non passi mai".
Chiamata direttamente in causa, la De Rossi definisce la 'sua' Amalia "un personaggio molto difficile. La cosa più complicata per me, che ho sempre fatto personaggi passionali, è stato togliere il cuore, mettere da parte i sentimenti". Dopo Napoli milionaria! sarà la volta di Sabato, Domenica e Lunedì. "Non a caso, è la commedia più cecoviana di Eduardo", osserva Ranieri che inizierà le prove alla fine di agosto. E poi? "Mi piacerebbe molto condurre il Festival di Sanremo con Gianni Morandi. L'evento dell'Ariston è sensazionale. Con Gianni siamo amici da più di quarant'anni, sul palco potremmo fare dei palleggi o andare sul tapis roulant perchè siamo atleti tutti e due".


  • shares
  • Mail