Gerry Scotti lascia il preserale a Paolo Bonolis e punta sul quiz in prima serata. Frecciatine a Flavio Insinna, Geppi Cucciari, Carmen Masola e Il senso della vita

scotti 16.jpgGerry Scotti (voto: 7) ufficializza al Corriere della Sera l'"addio" (almeno per un po') al preserale di Canale 5: "Ebbene sì, da settembre sarò alternato da un altro conduttore. Serviva un altro numero uno: hanno scelto Paolo Bonolis. Farà un nuovo programma". Intanto si gode il successo de Lo show dei record (7): "Il mio veto è stato per chi ha fatto della schifezza la sua specialità. Con me non si è mai visto nessuno mangiare insetti o cose orribili. Ricordiamoci che chi fa questi record entra nel libro più venduto al mondo dopo la Bibbia. E spesso si tratta di abilità di derivazione sportiva... La donna più piccola o l'uomo più peloso? C'è chi ha fatto di necessità virtù e si mantiene con una qualche difformità fisica. Lo preferisco all'idea che se ne stiano chiusi in una stanzetta, emarginati. Con me e Roberto Cenci alla regia lo show è più vicino al varietà. Mi sto specializzando nel far rivivere, rienterpretare trasmissioni. Come Io canto o La Corrida".
Ma non manca una critica a quest'ultimo programma nella versione di Flavio Insinna (7): "Non la riconoscevo molto come Corrida. La mia era quella di Corrado. Avevano deciso di cambiare e hanno cambiato. E' un'altra cosa". Stilettata anche a Geppi Cucciari (7): "Lei è bravissima e trovo G day molto gradevole nonostante mi rubi l'1,2% di share...". E a Carmen Masola, vincitrice della prima edizione di Italia's got talent, che torna sabato 7 maggio: "Oltre a vincere, prendere i soldi le hanno anche prodotto un cd: cosa dovevano fare di più? Programmi come quelli sono occasioni, poi devi andare sulle tue gambe".
Per Scotti una nuova sfida, il quiz in prima serata: "Manca dai tempi di Mike. Si chiamerà Money drop, sono andato in Germania a girarlo e sono entusiasta. E' un esperimento e spero si inserisca in questo casellario della tv in cui pare viga la regola di mia zia: quella del tuca no. Ogni cosa deve stare al suo posto, ripetersi sempre uguale. Quando cambi anche solo l'orario non sempre il pubblico segue, si pensi a Il senso della vita in prima serata...". Ultima frecciatina?


  • shares
  • Mail