Morgan, niente Festival di Sanremo dopo le dichiarazioni sull'uso di cocaina? Mauro Mazza: "Allibito". Indignato il mondo politico

171440611-32f88438-b3af-469c-973c-38fcdb2a7041.jpg

Le dichiarazioni di Morgan a Max stanno scatenando una valanga di reazioni. Non soltanto politiche. E la partecipazione del giudice di X Factor (voto: 7) al Festival di Sanremo, dove dovrebbe portare il brano La sera, è a forte rischio. "Sono allibito. Non posso far finta di non aver letto quelle dichiarazioni deliranti - ha commentato il direttore di Raiuno, Mauro Mazza - Parlerò con il direttore artistico del Festival Gianmarco Mazzi per decidere il da farsi". E Mazzi alle agenzie ha già detto di essere "rimasto senza parole di fronte a quanto dichiarato da Morgan. Vedremo". Francesco Facchinetti all'Adnkronos: "L'unica cosa che posso dire è che mi è dispiaciuto leggere quelle dichiarazioni. Morgan è una persona a cui voglio molto bene e con cui ho condiviso un viaggio importante come X Factor. Leggere quelle cose non è stato sicuramente piacevole". E Mara Maionchi ha aggiunto: "La cocaina ti fa perdere il lume della ragione, forse quelle dichiarazioni sono proprio frutto di quel tunnel schifoso. Se veramente fosse in quelle condizioni dovrebbe chiedere aiuto. Io ho avuto un momento di depressione mi sono fatta aiutare dai medici, che non ti danno certo la cocaina. La cosa che trovo più allucinante è che lui voglia far passare per normale una cosa che è aberrante. Mi dispiace per lui: ha fatto una dichiarazione grave e poco intelligente. Non è che se prendi la cocaina e diventi John Lennon o David Bowie. Questo deve essere chiaro a tutti. A X Factor a volte era troppo sopra le righe e spesso contraddittorio: ma gliel'ho sempre detto. Ma davanti a me non ha mai assunto droga. E uno poteva pensare che fosse anche un fatto caratteriale. Certo, queste sue parole gettano una nuova luce anche su certi comportamenti. Lui è un uomo intelligente. Mi chiedo come abbia pensato di poter dire queste cose e passare indenne. Forse ha davvero perso il lume della ragione. E se è così si deve curare in fretta. Spero che questo non pregiudichi la sua vita. E che si renda conto che la cocaina è un flagello".
Il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, ha detto: "Trovo le affermazioni di Morgan sul valore benefico della cocaina assolutamente deliranti. Con le sue parole dimostra di essere l'ennesimo cattivo maestro di cui la gioventù italiana farebbe volentieri a meno. È assurdo che per far parlare di sè un artista debba ricorrere a questi mezzucci da quattro soldi, la gioventù italiana ha trascorso fin troppo tempo sotto il bombardamento di messaggi sbagliati e pericolosi lanciati di volta in volta da divi del cinema, della musica o della tv. Persone che non si rendono conto dell'impatto drammatico che le loro parole possono avere e che in questa totale assenza di responsabilità dimostrano il loro scarso valore umano". Secondo Giorgia Meloni "è ora di cominciare sul serio a spiegare ai giovani come stanno le cose: 'farsi' non significa essere anticonformisti, alternativi o 'fighi', ma è una pericolosissima fuga dalla realtà che prima di ferire il corpo uccide le emozioni, le speranze, i dolori e le gioie che rendono preziosa e irripetibile l'esistenza di ognuno. Mi auguro che in futuro chi trasmette dei messaggi tanto aberranti non trovi nella televisione pubblica un pulpito autorevole da cui ergersi a intellettuale finto-ribelle pagato con i soldi dei cittadini".
Pesante anche il giudizio di Carlo Giovanardi, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio con delega al contrasto delle tossicodipendenze: "Purtroppo non è vero che personaggi come Morgan non siano gente di potere. Esaltando l'uso della droga questo 'signore' condanna a morte giovani ingenui e sprovveduti che si distruggeranno per la sua irresponsabile sete di pubblicità. Più che esibirsi a Sanremo, sarebbe utile che questo Morgan potesse ricoverarsi in una comunità di recupero per tossicodipendenti per vedere e toccare con mano i disastri provocati dal consumo di cocaina. Grande è anche la responsabilità di chi offre palcoscenici a simili personaggi vanificando l'azione preventiva ed educativa della famiglia, della scuola degli educatori e di tanti artisti e campioni dello sport che si sono prestati gratuitamente per campagne contro l'uso della droga".  
***


Toluna.com - Get free polls, widgets, opinions and earn points!
Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO