Maria De Filippi: "Farò i Grammy o rilancerò il Festivalbar. Infastidita dalle dichiarazioni di Marano. Nuovi professori ad Amici 9"

amici01g.jpg

Su Repubblica inizia così un articolo che prende spunto dalla finale di Amici (voto: 8): "E' nato l'anti-Sanremo. L'ha sancito in maniera ufficiale la serata finale di Amici di martedì scorso su Canale 5, insieme al trionfo della cantante di Lecce Alessandra Amoroso. L'immagine più evidente di questo spostamento di interesse, dalla Riviera dei fiori al teatro 5 di Cinecittà, l'hanno offerta i presidenti italiani delle multinazionali discografiche di fronte a 6 milioni e 668 mila spettatori (il 32,16 per cento dell'intera platea televisiva). Era la prima volta che Universal, Sony-Bmg, Emi e Warner partecipavano in blocco al programma di Canale 5: i rappresentanti di un mondo in via di estinzione, soprattutto da noi, tutti schierati al cospetto dei talenti di Maria De Filippi, evidentemente pronti a saltare sull'ultimo treno in partenza per il mercato della musica in Italia.
Maria De Filippi ha subito cavalcato l'immagine dell'anti-Sanremo: 'Se Paolo Bonolis dovesse restare a Mediaset (deciderà entro la fine di maggio, ndB) sarebbe bello fare Sanremo su Canale 5. Sto giocando, ma l'idea di un'alternativa al Festival mi piace'. Contattata al telefono, la De Filippi ha voluto chiarire a Repubblica il suo progetto: 'Vorrei importare in Italia il marchio dei Grammy Awards. E' il mio sogno e a questo conto di lavorare nelle prossime settimane'. Dunque le regole e il fascino del maggiore dei premi musicali internazionali, l'Oscar della musica, applicati alla canzone italiana in funzione antisanremese".
Sul Corriere della Sera, invece, si parla di rispolverare un marchio storico come il Festivalbar: "Ricordo che la serata finale - afferma la conduttrice - era un evento, poi è 'morto' anche se non ho capito perchè (gli ascolti sempre più bassi, ndB). Sarebbe un'alternativa musicale perchè rivolto a un pubblico diverso, più giovane di quello di Sanremo. Se lo faremo prenderei anche i cantanti di X Factor".
A proposito di quelli di Amici, invece, Sony-Bmg ha messo gli occhi sulla vincitrice, la Emi sul secondo arrivato Valerio Scanu, la Warner sul cantautore Luca Napolitano. La De Filippi ha consigliato ai ragazzi di non firmare subito, di prendere tempo per studiare meglio i contratti con gli avvocati: "Non dev'essere l'abbaglio di un televoto, va giudicato il progetto che offrono", dice. "Le multinazionali si sono svegliate dopo ottobre, non dopo Sanremo, colpite dai numeri dei live dei ragazzi e dalle 200 mila copie di Scialla, la compilation del programma". 
Sulle dichiarazioni del direttore di Raidue Antonio Marano la De Filippi è combattiva: "Mi è dispiaciuto leggere sul giornale il suo no (circa l'ipotesi di un collegamento tra Amici e X Factor, ndB). Sta sempre a studiare quel che faccio. Sono convinta che Amici gli piaccia molto, credo anche che mi corteggerebbe se entrambi non fossero sposati... Non mi è piaciuto nemmeno quando ha parlato di darci i 'calci negli stinchi'. E mi scoccia il concetto di laureati e non laureati. E' un concetto non snob ma ingiusto. Io mi faccio un gran culo e quando vedo che il giudizio è ridotto a zero perché non ho laureati tra i miei ragazzi mi viene una rabbia che non dico. La tv si fa per tutti, per la gente comune. Mi danno fastidio le dichiarazioni di Marano: sul palinsesto deve fare polemica con Donelli, non con me. E' allucinante leggere che Francesco Facchinetti dica che loro sono svantaggiati perchè partono da un 6% di share lasciato dal Tg2 mentre noi abbiamo il traino di Striscia. Dovremmo finirla di fare questi discorsi, siamo a livelli bassi bassi. Non capisco: nè io nè Simona Ventura siamo ossessionate una dall'altra (?, ndB). Pensiamo alle cose serie. Alessandra è una cosa seria così come Giusy Ferreri e tutti gli altri talenti che noi lanciamo".
Intanto, tra poco, partono le selezioni per Amici 9: "Spero di cambiare un bel po' di cose. Mi trascino i collaboratori da anni, per affetto, ma quest'anno molte cose non andavano bene, quindi arriverà gente nuova. Anche se io preferisco aggiungere che togliere. Ci sarà qualche modifica anche per quanto riguarda i professori. Sia ben chiaro: io non caccio via nessuno ma qualcosa bisognerà pur fare". Una scelta inevitabile e sacrosanta.
NEI PROSSIMI POST RASSEGNA STAMPA SU AMICI 8 E TUTTE LE DICHIARAZIONI DI ALESSANDRA AMOROSO.
Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail