Amici... e poi? A Sugo le testimonianze di Marco Carta, Karima, Fabio, Jennifer e Viviana. Il talent show può aiutare o distruggere una carriera

marco%20carta%20sugo.JPG

Qual è il destino dei ragazzi di Amici (voto: 7) quando escono dal programma di Canale 5? Un interessante servizio proposto da Sugo-il sangue dei media (7), il magazine di Rai4, ideato da Gregorio Paolini, condotto ogni giovedì alle 22.40 da Carolina Di Domenico e rivolto alla generazione web 2.0, ha raccolto le opinioni dei cantanti Marco Carta e Karima Ammar, dell'attore Fabio Morici e delle ballerine Jennifer Iacono e Viviana Filippello.
Carta, vincitore del Festival di Sanremo (8), sottolinea: "Non è giusto che, dopo Amici, a ragazzi di talento che sanno davvero cantare e ballare vengano date meno opportunità che ai concorrenti dei reality". Quindi racconta la sua esperienza: "Una volta finito Amici inizia una nuova vita che può farti nascere o distruggerti, come per tutte le cose. Dipende da come ti comporti, da come ti rapporti con le persone e con i superiori (gli altri artisti), dipende dalla tua semplicità, se tieni i piedi per terra oppure no, dipende dal pubblico. Il 90% delle cose le hai tu in mano e, già prima di Amici, lavori sul tuo futuro. Se ad Amici appari male è poi difficile riprenderti dopo. Io ammetto di essere stato fortunato perchè sono stato visto bene ad Amici. E quando entri lì dentro non ti accorgi che stai già costruendo il tuo futuro e che devi comportarti bene. Io ho anche litigato tanto ma c'è qualcosa che ha fatto andare tutto bene".
Karima: "Dopo Amici ho pensato al mio futuro. Fare qualche serata per pochi mesi e poi finire nel dimenticatoio mi avrebbe fatto male perchè canto dall'età di sei anni. Io mi sento diversa rispetto al periodo del programma. La stessa Maria De Filippi mi ha detto che sono una donnina. Di sicuro in questo mondo contano molto la fortuna e la capacità di incontrare le persone giuste".
Viviana tra un anno dovrebbe laurearsi: "Nella parte di programma che arriva a casa emerge un messaggio piuttosto che un altro, vengono messi in luce determinati ragazzi. Sicuramente non è una regia ingenua... Quando sei lì dentro pensi che la realtà sia quella. Io sono uscita da Amici molto demoralizzata. Poi ho continuato a studiare e a ballare e ho preso le relative distanze da alcune cose della tv che non mi piacciono. La ballerina oggi è sminuita al ruolo di velina o letterina".
Jennifer ha lavorato con Luca Tommasini, su Sky, a La sai l'ultima?, in Don Matteo e in un film con Nicole Kidman e Penelope Cruz: "Il contratto con Amici dura un anno durante il quale sei molto tutelato. Il vincitore può chiedere anche 6.000 euro per partecipare ad una serata. Più il tempo passa più il cachet diminuisce perchè c'è il riciclo di gente e ci sono i ragazzi delle nuove edizioni. In certi provini televisivi quando sentono che vieni da lì storcono il naso. E le ballerine ormai sono giudicate più per la misura di seno o per due movimenti di sedere che per la loro bravura".
Fabio ha pubblicato un romanzo Il tempo di andar via e mira a diventare sceneggiatore Rai: "Finito Amici abbiamo lavorato e siamo stati pagati come professionisti. Per tre mesi ho fatto il Tim Tour, l'Amici Tour e il Gigi D'Alessio Tour. Non ho mai guadagnato tanto come in quell'estate tanto che ho dovuto fare l'unica dichiarazione dei redditi. Minima. Ho deciso di non rinnovare il contratto con la produzione. Non sarò più un ragazzo di Amici. In certi provini televisivi quando sentono che vieni da lì storcono il naso. Sembra quasi che tu abbia la fedina penale sporca. Sfondare senza passare dalla televisione è davvero difficile. Ed è un peccato. L'artista eleva il reality ma il reality abbassa l'artista". L'altra faccia della medaglia di un talent show.
Il video del servizio di Sugo
  • shares
  • Mail