Un medico in famiglia 6, Lino Banfi: "Volevo far morire nonno Libero ma alla fine erediterò un trullo in Puglia. Ci saranno però tanti rientri"

1220265118lino-banfi_nonno-libero.jpg

In questo periodo Lino Banfi (voto: 8) sta girando la sesta serie di Un medico in famiglia, dodici nuove puntate in onda in autunno su Raiuno. "Io sarò nel cast di soli sei episodi e questa sarà la mia ultima serie - anticipa l'attore amatissimo dal pubblico nel ruolo di nonno Libero - Già non avrei potuto essere presente quest'anno per precedenti impegni, mi sono però lasciato convincere, data la forza del personaggio".
E aggiunge: "Avevo lanciato l'idea di far morire nonno Libero, ma nessuno ha voluto. Questa mia presenza part time dovrebbe essere un esperimento per continuare poi anche senza di me. L'espediente narrativo è che nonno Libero ha ereditato un trullo in Puglia nel quale ha realizzato un agriturismo che gestisce lui stesso. Quindi spesso mi allontano, ma torno poi in famiglia. I nipoti sentono la mia mancanza, però hanno avuto la grande gioia del ritorno del loro padre, il dottor Lele Martini, personaggio storico interpretato da Giulio Scarpati, presente in tutte le nuove puntate. Ci sono anche altri rientri: Pietro Sermonti ed Ugo Dighero. E ci sarà Gabriele Cirilli, non Lunetta Savino e Francesco Salvi".
"Poi andrò in Germania, dove mi vogliono come protagonista per altri due film - svela - Ne ho già girato uno, recitando in lingua tedesca; io che non so una parola di quella lingua ho imparato tutto a memoria portando sempre con me un quadretto di Padre Pio a cui ho chiesto di aiutarmi". Domenica e lunedì sera invece lo vedremo su Raiuno nella fiction Scusate il disturbo (sabato in questo blog il post di presentazione).
Ma Banfi ritorna protagonista anche al cinema italiano: "Il 17 aprile esce nelle sale Focaccia blues, storia di un piccolo panettiere che riuscì a far chiudere un grande McDonald. Interpreto un cameo con Renzo Arbore, Michele Placido, Nichi Vendola. Inoltre ho intenzione di cominciare a realizzare prodotti con la casa di produzione Alba 3000".
  • shares
  • Mail