Amici contro X Factor: gli ascolti per regione e i commenti di Giordano, Mangiarotti e Grasso. Grande Fratello in onda anche il 2 e 14 aprile

C_3_box_914_foto.jpg

Molti giornali dedicano ampio spazio alla "sfida dell'anno" tra i due talent show Amici (voto: 7) e X Factor (7). Innanzitutto emerge qualche nuovo dato sul target di riferimento. Il programma di Canale 5 è forte soprattutto al Sud: la regione top share è la Calabria con il 41% di share mentre al Nord la Liguria si ferma al 15%. Discorso opposto per la trasmissione di Raidue che va meglio al Nord: Trentino e Veneto raggiungono il 20% mentre il Sud è sotto il 10% con l'eccezione della Puglia che raggiunge il 17%.
Paolo Giordano scrive (parole condivisibili) su Il Giornale: "Nello scontro tra X Factor e il caposcuola Amici, che ha fatto la gioia dei teleanalisti pronti a snocciolare i dati d'ascolto, c'è un altro vincitore: la musica. Ma ci pensate: martedì sera oltre otto milioni di telespettatori, quasi la metà degli italiani sintonizzati, hanno ascoltato musica e hanno parteggiato per questo o quel cantante seguendo un rito che per qualcuno non era neanche vintage, ma proprio dimenticato, noioso. Ricordate Canzonissima? Ecco. Si diceva che la musica ormai bye bye, in televisione non facesse ascolto e pace all'anima sua. Si diceva che la gente (ma quale gente?) volesse solo le pelosità dei reality, quelle sì spettacolari, oppure la fiction. E invece. Ci sono stati, l'altra sera, momenti emozionanti a X Factor come la Walk this way dei Bastard Sons of Dioniso, entusiasta e rinata, oppure la Calling you di un Daniele strepitoso nell'alternanza di falsetto e voce piena nei ritornelli. E pure 'O sarracino di Luca, autentico come sarebbe piaciuto a Carosone, e Alessandra con una Volami nel cuore (quasi) all'altezza di Mina sono stati scintillii di musica bella ad Amici, suonata da una signora orchestra e da voci cariche di gioia. Insomma, il talento paga, chi è bravo vince e, soprattutto, non si può più fare a meno di notare che la musica si indossa bene anche in tv, altro che".
Gli fa eco Marco Mangiarotti che su Qn scrive: "Tutto si può dire dei due talent tranne che ha vinto Amici perchè X Factor è brutto. O come alcuni inguaribili snob viceversa. Meno reality e più prove, forse troppe prove di canto ad ostacoli, da Maria, riducendo le discussioni che una parte del pubblico non gradisce. Ritmo, buone performance vocali e i Take That da Simona, per la gioia di forum, chat, community e sms. Luoghi comuni: ad Amici si canta male, da Morgan sempre benissimo. Non è vero. I ragazzi di Raidue sono più avanti ma non vedo per ora una nuova Giusy Ferreri (più Tiziano Ferro e il manager Giannini). Benissimo i Bastards, meglio Noemi e Daniele (ma su una sola canzone), non in serata il migliore: Jury. Bravo Matteo. Da lì hanno cantato bene Alessandra e Valerio, non male Luca. Ma il contesto è diverso. Se non ci fosse Morgan con la sua provocazione culturale e musicale, il format britannico sarebbe banalotto come i commenti di vocal coach e contorno. Se parliamo sempre di fasce altissime e qualità suprema, eh! Per capirci".
Chi, invece, non perde occasione per attaccare la De Filippi è Aldo Grasso, che sul Corriere della Sera sottolinea: "Meglio X Factor: più divertente, meno livoroso. X Factor è un vero talent show, un programma cioè che ha per obiettivo la scoperta di giovani artisti, in questo caso cantanti. Quindi, la qualità dei partecipanti e delle loro esibizioni deve essere di buon livello; X Factor fa il lavoro che un tempo facevano le case discografiche. Amici è un talent show con forte tendenza al reality: spesso sono più importante le dinamiche del gruppo (alleanze, liti, amori, umori...) della pura esibizione. E poi, come in tutti i programmi della De Filippi, c'è sempre un che di gentesco, di morboso, di invadente. L'acredine che spesso sanziona i rapporti fra concorrenti ed esperti o fra concorrenti delle diverse squadre crea ascolto (questo è nei fatti) ma non scrittura. Tutavia, per fare una De Filippi (le cui virtù peculiari sono la sapiente degradazione, il marionettismo furioso, il naturale fondo grottesco) ci vogliono quattro persone, collezione di singolarità solute e irresolute, un ardore di pretenziosità e insicurezza".
Intanto non si fermano le manovre "feroci" dei palinsesti. La finale di X Factor andrà in onda il 14 aprile su Raiuno? Mediaset quasi sicuramente opporrà il Grande Fratello (6), che andrà in onda eccezionalmente anche giovedì 2 aprile per contrastare la prima puntata del Fiorello Show, programmato su Sky Uno (canale 109).
  • shares
  • Mail