Amadeus, il Venice Music Awards prima occasione per il ritorno a Raidue. Marano: "Per la musica punteremo su lui"

orig_C_0_articolo_421011_immagine.jpg

Prima una dichiarazione a Tv Sorrisi & Canzoni, poi un'ulteriore conferma in conferenza stampa: Amadeus (voto: 5) è sempre più vicino al ritorno in Rai. Di sicuro avverrà in occasione del Venice Music Awards, il galà della musica leggera italiana, che presenterà con Manuela Arcuri (6) il 21 luglio in prima serata su Raidue.
Al Sorrisi aveva detto: "Sono felice di tornare al mondo artistico nel quale sono nato, visto che sono un ex dj con discorsi radiofonici. Nel mio curriculum, poi, c'è la conduzione di cinque edizioni del Festivalbar di Vittorio Salvetti. Su Raidue, va detto, mi muovo sempre volentieri: l'ultimo mio impegno fu Music Farm quattro anni fa. Non è vero che la musica in tv non fa ascolto, dipende da come la proponi. Il nuovo show di Antonella Clerici, su Raiuno, era sostanzialmente musicale ed è stato l'unico vero successo di quest'anno".
Sulla sua difficile annata televisiva: "E' stato come comprare uno stopper e usarlo come ala destra ma la cosa che mi pesava di più era restare fermo: ho lavorato in totale sette-otto mesi in due anni, troppa panchina". E in conferenza stampa ha chiarito ulteriormente: "Sono contento di essere qui dopo anni di assenza, ad agosto mi scade il contratto con Mediaset, se ci fosse la possibilità sarei felicissimo di tornare in Rai".
"Sono emozionato di ritrovarmi con il direttore di Raidue, Antonio Marano, con cui abbiamo fatto Music Farm. Sono a casa mia e mi ha fatto piacere essere stato chiamato per una cosa così importante come la musica. Una cosa è certa, mi piacerebbe tornare a lavorare con i ritmi di una volta. In questi ultimi due anni ho lavorato 8 mesi. Il mio agente, Lucio Presta (presente alla conferenza, ndB) sta parlando con Mediaset, Rai e anche con Sky".
Anche il direttore di Raidue ha fatto capire che gli piacerebbe tornare a lavorare con Amadeus. "E' stato lui  a presentare per primo Music Farm ed è stato importante. Lo proporrò in tutti i programmi in cui servono le sue qualità e conoscenza della musica. La musica è cultura, è un modo per avvicinarsi ai giovani e noi l'abbiamo scelto. Questo premio racconta la storia della musica italiana e la sua crescita culturale e per questo si inserisce in un progetto strategico che stiamo portando avanti, proprio per valorizzare il ruolo della musica in televisione". Presto, dunque, la musica "batterà sul Due" anche con Amadeus. Ma per lui sarà fondamentale evitare l'ennesima "nota stonata".  
  • shares
  • +1
  • Mail