X Factor, Mara Maionchi: "Quella volta che bocciai Morgan". D'Amico: "La musica del Simo". Rivediamo le esibizioni della domenica

xfactor_1061_6971.gif

"In quarant'anni di carriera ho lanciato talenti come Gianna Nannini, Tiziano Ferro e Mango, ma ho preso anche qualche cantonata: qualche anno fa ho 'bocciato' anche Morgan (voto: 6,5)": questa la rivelazione che Mara Maionchi (7), la discografica di X Factor (6,5), ha fatto durante un'intervista esclusiva al settimanale Telepiù.
La Maionchi rievoca così l'incontro con il suo attuale collega di giuria: "L'ho conosciuto quando era il leader dei Bluvertigo, una band che ho gestito per un paio d'anni. Poi però ho deciso di lasciar perdere, e mi sono sbagliata: Morgan ha un grande talento. Non è stato l'unico errore, comunque: nel 1988 dissi no anche a un certo Biagio Antonacci".
Di X Factor ma anche di Canta e vinci! (6) parla Alberto D'Amico nel suo blog: "Francesco Facchinetti (5) è vero come le poppe rifatte di Simona Ventura (7) che esibisce sempre più in alto, Amadeus (5) indifferente agli ascolti come 66 caseifici casertani (o giù di lì) lo sono stati alla diossina. Ed entrambi sono spontanei come i Simpson privi dei doppiatori che gli danno le voci. X Factor e Canta e vinci! non hanno nulla in comune se non i due sintetici padroni di casa.
L'ex dj Francesco fa (o vorrebbe fare) la Ventura: dice le stesse cose che direbbe lei, finge nello stesso modo in cui fingerebbe lei, non guarda la telecamere nello stesso modo in cui non la guarderebbe lei, grida e usa gli stessi slogan che griderebbe ed userebbe lei. Speriamo che anche lui non cominci a dire che vuole diventare direttore di rete, e si metta a fare lo stilista, a scrivere libri, a presentare serate in giro per l'Italia. Sull'argomento programmi zavorre sta già dando.
Amadeus, invece, fa il conduttore del quiz pre serale anche se il programma va in onda in prima serata. Ma forse è ancora lì in tilt a pensare perché ha lasciato al Barack Obama della tv italiana (alias Carlo Conti, per il colore della pelle, non per altro) la sua Eredità, ossia uno share intorno al 32% che l'ex dj (altra cosa in comune con Facchinetti) non ha mai più rivisto. Certo a forza di pensare qui, di pensare lì, e di pensarci su sembra un automa perso tra telecamere e ritornelli interrotti che neppure di fronte alle battute di Checco Zalone riesce a reagire con una parvenza di naturalezza.
Amadeus e Facchinetti sono antichi perché assomigliano a qualcosa di già visto troppe volte in televisione. Sono qualcosa d'altro a cui assomigliano. Uno, appunto assomiglia a una conduttrice che ininterrottamente e in tv da circa otto anni a fare di tutto e l'altro a una serie di cloni che da 10 anni o più intrattengono gli italiani con una serie di programmi cloni in cui la frase più originale è: 'allora, accendiamo?'. Mi chiedo: la novità quindi dov'è? Forse nel fatto che si insiste a portare la musica in tv? Bah, nel dubbio aspettiamo che arrivi gente giovane come Baudo e Bongiorno a sbrogliare la matassa". 

Create polls and vote for free. dPolls.com
Rivediamo le esibizioni della domenica. Si parte con Dante Pontone in Ti pretendo (9) dopo la lite settimanale con il vocal coach Michele Fischietti. Gli Aram Quartet in The logical song (9). Ilaria Porceddu ripropone furbescamente Oceano (8,5). I Sei ottavi in Libertango (7). Antonio Marino in Oggi sono io (7,5). I meno televotati sono i Sei ottavi e Dante Pontone. E se ne va quest'ultimo.
Tony Maiello in Apologize (6,5). Annalisa Baldi in Minuetto (7). I truccatissimi 4 Sound in Perdono (7,5). Emanuele Dabbono in La donna cannone (7). A mezzanotte è la volta dell'ultima entrata, Silvia Aprile, in Sono come tu mi vuoi (8,5). I meno televotati sono i 4 Sound e il loro "maestro" Emanuele Dabbono. Il giudizio decisivo è della Maionchi che elimina i 4 Sound. 
  • shares
  • Mail